Antonio Fioretto

Calciomercato estero, ufficiale: Ganso è un giocatore del San Paolo

Calciomercato estero, ufficiale: Ganso è un giocatore del San Paolo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il talento verdeoro resta in Brasile e sceglie il San paolo. Perchè?

SAN PAOLO (BRASILE), 21 SETTEMBRE – Il Brasile, da sempre, è colonia di campioni calcistici. Elencare tutti i fuoriclasse nati nel paese sudamericano sarebbe troppo dispendioso in termini di tempo ed energie. Non a caso i carioca sono quelli che hanno vinto più titoli Mondiali, ben 5. La nuova generazione non è da meno. I vari Neymar, Oscar, Hulk, Pato e compagnia bella sembrano destinati a ripetere le imprese dei propri predecessori, vale a dire Pelè, Ronaldo, Kakà e tanti tanti altri. Uno dei talenti più cristallini di questa new generation di top players verdeoro è Ganso, da oggi nuovo giocatore del San Paolo.

ARRIVEDERCI EUROPA –  Paulo Henrique de Lima è passato ufficialmente dal Santos al San Paolo. La decisione è quindi quella di rimanere in Brasile, nonostante l’interesse dei big d’ Europa. All’ inizio fu il Milan, poi il Real Madrid, e via via il Barcellona, lo United, il Psg. Ganso invece ha sorpreso tutti ed ha scelto di continuare la sua avventura in America. Il perchè lo sa solo lui, ma possiamo avanzare delle ipotesi. Innanzitutto, è probabilissimo che siano stati gli agenti a consigliarlo così. Magari vogliono incrementare la bagarre. Oppure lui stesso, per questioni familiari o simili, ha scelto di rimandare il proprio arrivo in Europa. Sia chiaro, è solo rimandato il suo trasferimento nei campionati d’occidente.

IL SAN PAOLO GONGOLA – Il San Paolo, dal canto suo, si assicura un vero fenomeno. Tiro, inserimento, passaggio, costruzione, calcio da fermo. Trequartista completo e moderno, Ganso mira a fare le fortune del club che, a questo punto, concentrerà tutti gli sforzi sulla vittoria del campionato e delle Copa Libertadores. Certo è che, vedere un giocatore del genere laggiù dove le difese ballano ed i portieri indugiano, lascia davvero l’amaro in bocca.

Antonio Fioretto

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *