Walter Molino

Europa League, Inter-Rubin Kazan: presentazione e probabili formazioni

Europa League, Inter-Rubin Kazan: presentazione e probabili formazioni
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Uno scontro nell’ultimo precedente

MILANO, 20 SETTEMBRE – Stasera alle ore 21:05 l’Inter ospiterà il Rubin Kazan per il debutto nella fase a gironi dell’Europa League. Il match sarà valido per il Gruppo H, in cui sono inseriti anche Partizan Belgrado e Nefçti Baku. Stramaccioni sta pensando ad un leggerissimo turnover in vista del ciclo durissimo che attende la squadra nerazzurra che domenica ospiterà il Siena, mercoledì andrà a Verona per giocare contro il Chievo per poi ricevere la Fiorentina in casa.

PARLA STRAMA – Nella conferenza stampa della vigilia l’allenatore nerazzurro Andrea Stramaccioni ricorda la partita giocata proprio contro i russi nell’anno del Triplete quando l’Inter si impose per 2-0 in casa (con goal di Eto’o e Balotelli) e pareggiò 1-1 in terra Russa.  Per il giovane tecnico non bisogna sottovalutare questa squadra, che comunque riuscì a mettere in difficoltà lo squadrone di Mourinho. Poi molto ci si è concentrati sul post Torino-Inter con la provocazione di squadra “provinciale” che non è andata giù all’allenatore dell’Inter. ” Noi provinciali? Non ho niente contro l’aggettivo ‘provinciale’. Mi ha dato fastidio il taglio premeditato che si è voluto dare alla nostra vittoria. Era una gara difficile, su un campo molto insidioso – ha nuovamente replicato Stramaccioni alle ‘accuse’ di Mondonico -. Ho volutamente dato quell’interpretazione tattica alla mia squadra, per me era la soluzione migliore per affrontare il Torino. Ho chiamato poi Mondonico, gli ho detto che non ce l’avevo con la sua analisi: mi difendevo solo da un commento premeditato”. 

LE SCELTE – Palacio sarà ancora fermo ai box, con la speranza di recuperarlo per domenica. Mentre in attacco Diego Milito è in ballottaggio con il giovane Livaja. Stramaccioni starebbe pensando a far riposare il Principe nerazzurro in vista delle troppe gare da giocare in pochi giorni e il giovane attaccante è la prima scelta, non avendo l’Inter altre prime punte. Al suo fianco agiranno Cassano e Coutinho che prenderà il posto di Sneijder. In difesa c’è Silvestre al posto dell’ottimo Ranocchia, mentre a centrocampo dovrebbe agire Gargano insieme al capitano Javier Zanetti e Alvaro Pereira. Il modulo sarà dunque il 4-3-2-1, e non si dovrebbe vedere più una squadra “provinciale” bensì una squadra che sarà votata all’attacco. Il 4-4-1-1 evidentemente sarà riutilizzato in gare in cui è richiesta più copertura, specie sulle fasce. Fin qui lo stadio San Siro non ha ancora ospitato una vittoria delle sue  squadre. L’Inter ha perso e pareggiato nei preliminari di Europa League e ha perso in campionato contro la Roma; mentre il Milan ha subito due sconfitte contro Sampdoria ed Atalanta. In 5 gare è arrivato solo 1 punto: tutti i tifosi interisti si augurano di poter invertire tale tendenza.

LE PROBABILI FORMAZIONI

INTER (4-3-2-1): Handanovic, Jonathan, Silvestre, Samuel, Nagatomo; Zanetti, Gargano, Pereira; Coutinho, Cassano; Livaja. All: Stramaccioni

RUBIN KAZAN (4-4-2): Ryzhikov, Kuzmin, Ansaldi, Marcano, Navas; Natcho, Eremenko, Ryazantsev, Kasaev; Dyadyun, Rondon. All: Berdyev

A cura di Walter Molino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *