Orazio Rotunno

Inter, Cassano contro Sneijder: ” Wes paghi la multa “

Inter, Cassano contro Sneijder: ” Wes paghi la multa “
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MILANO, 20 SETTEMBRE – Non si trattasse di Antonio Cassano, e del suo amico-vicino di casa Sneijder, il titolo sarebbe da prima pagina di tutti i giornali. In realtà è l’ennesimo siparietto durante gli allenamenti di Fantantonio, che coglie la palla al balzo per “sfottere” Wes sulla scenata di Torino dopo la sostituzione. L’ennesima dimostrazione di un Cassano ritrovato, e capace di presentarsi da leader alla sua nuova avventura nerazzurra.

ANTONIO VS. WES, ” HANNO PAGATO ZIDANE E RONALDO, ORA TOCCA A TE “ – Chiariamo subito, non esiste alcuna multa della società Inter comminata al giocatore olandese. Durante l’allenamento mattutino Cassano ha preso in giro il trequartista tulipano fingendosi offeso per non essere stato salutato decentemente, lui e i compagni della panchina, al momento dell’uscita dal campo: ” Chi pensi di essere per non pagare la multa? Hanno pagato Ronaldo e Zidane e non vuoi pagarla tu?”. Fine della storia, onde evitare fraintendimenti. Segnale di un gruppo coeso, ed il cui merito va a Stramaccioni, che dal suo arrivo aldilà di ogni lecita considerazione tecnico-tattica, ha il merito indiscutibile di aver ricostruito un gruppo unito e che lo segue con entusiasmo. Gruppo di cui Cassano è già leader, una novità rispetto alle sue precedenti esperienze. Un’Antonio evidentemente più maturo, stimato e ben voluto come non mai. E le prestazioni sul campo, nonostante una forma ancora non ottimale, gli danno ragione con 2 gol ed un assist in 3 presenze, nessuna di queste per 90 minuti.

Questa sera partirà titolare, fungendo da prima punta quale vice-Milito, con Coutinho e Livaja alle sue spalle. Riposeranno infatti sia Wes che il Principe, mentre Palacio deve ancora recuperare dall’infortunio. Certo è che, con un Cassano così, Milito inamovibile, e un Palacio in gran forma quando ha giocato, la scenata di Torino durante l’uscita dal campo di Sneijder potrebbe non restare un caso isolato.

Orazio Rotunno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *