Redazione

Russian Premier League, il Terek si prende la vetta

Russian Premier League, il Terek si prende la vetta
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

I ceceni battono lo Zenit, scavalcato da Cska e Anzhi e raggiunto dalla Lokomotiv

Terek in festa per la vittoria sullo Zenit

Dopo otto giornate il Terek Grozny continua a stupire e battendo lo Zenit si prende la vetta della classifica. Romboante squillo della formazione cecena che dopo un primo tempo sofferto disputa una ripresa di alto spessore fino a riuscire a stendere i ragazzi di Luciano Spalletti nel finale grazie alle reti di Ailton all’85’ e di Lebedenko al 95′. Un tonfo, il secondo nelle ultime tre giornate, che si fa sentire a San Pietroburgo visto che comporta la discesa al quarto posto nella graduatoria. In seconda posizione sale infatti il Cska Mosca, alla quinta vittoria consecutiva. Stavolta a farne le spese è stato l’Alaniya, battuto dalla doppietta di Honda tra il 49′ e l’85’ minuto. Prosegue la risalita anche l’Anzhi. La squadra allenata da Guus Hiddink dilaga per 5-2 sul Krasnodar, arresosi alla doppietta di Eto’o e alle marcature di Shatov, Joao Carlos e Bossoufa, autore di tutti e quattro gli assist per le altre reti dei compagni; per gli ospiti inutili i tentativi di riaprire il match prima con Abreu e poi con Vranjes. La quinta piazza è invece occupata dalla Lokomotiv, che ha liquidato il Rubin Kazan, avversario dell’Inter in Europa League, con la rete di Tarasov al 52′. Contro il Kuban, lo Spartak interrompe la striscia di due sconfitte di fila cogliendo il pari a Krasnodar. Passati due volte in vantaggio prima con McGeady e poi con Emenike, gli uomini di Unay Emery sono stati raggiunti entrambe le volte da Fidler e Ozbiliz.

Nella parte bassa della classifica, ennesima debacle per la Dinamo, che a Rostov viene punita dalla rete di Holenda al 62′, raccogliendo la settima sconfitta in otto gare. Si prolunga il buon momento dell’Amkar Perm, che allunga a cinque gare la propria imbattibilità. La formazione allenata da Trubachev ha avuto ragione del Volga con un rocambolesco 3-2 che l’ha vista passare in vantaggio con Peev per poi vedersi rimontata da Sapogov e Grigalava. Ma nel finale di nuovo Peev e Picuşceac rimettono il match sui binari dei rossoneri. Chiude il quadro la vittoria esterna del Krylya Sovetov sul campo del Mordovia. Dopo tre sconfitte consecutive, la compagine di Samara espugna Saransk per 3-2 grazie alle reti di Epureanu, Nemov e Grigoryan, che al 91′ firma il definitivo sorpasso dopo il momentaneo pareggio da parte dei padroni di casa scaturito dalla reazione firmata da Osipov e Bober.

CLASSIFICA: 19 Terek Grozny, 18 Cska Mosca; 17 Anzhi; 16 Zenit e Lokomotiv Mosca; 13 Spartak Mosca e Kuban Krasnodar; 12 Rubin Kazan e Amkar Perm; 10 Krylya Sovetov; 9 Rostov; 8 Krasnodar e Alaniya; 4 Mordovia e Volga; Dinamo Mosca.

MARCATORI6 Natcho (Rubin Kazan), Danilo Neco (Alaniya) e Movsisyan (Krasnodar) e Kerzakhov (Zenit); Holenda (Rostov) e Eto’o (Anzhi); Honda (Cska Mosca), Lebedenko (Terek Grozny) e Sapogov (Volga).

Alessio Tuveri

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *