Fabio Pengo

Milan, Bonera e Allegri in conferenza stampa: “Pensiamo a ripartire dalla Champions”

Milan, Bonera e Allegri in conferenza stampa: “Pensiamo a ripartire dalla Champions”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MILANO 17 SETTEMBRE – A poco più di ventiquattro ore dalla partita con l’Anderlecht in Champions, Massimiliano Allegri è chiamato a rispondere di una situazione non felicissima in casa Milan:i soli 3 punti,strappati al Bologna, in tre gare di campionato non è ciò che ci si aspetta da una squadra che in lizza per vincere il campionato italiano. La squadra belga è avvezza alle sfide importanti e sarà il banco di prova per i rossoneri che d’ora in avanti non devono più sbagliare.

UNA CHAMPIONS PER RISORGERE – Davanti ai giornalisti Allegri e Bonera hanno ribadito che sebbene non sia un bel momento per la sua squadra,  l’importante è credere nel progetto intrapreso dalla dirigenza:” Il presidente Berlusconi l’ho sentito sereno, capisce il momento di difficoltà e sta vicino alla squadra. Con Galliani ho un ottimo rapporto, anche se sui giornali leggo il contrario. La squadra è molto cambiata rispetto all’anno scorso, serve tempo. Non pensavo neppure io di perdere due gare in casa senza gol, ma l’unica ricetta è il lavoro.  E’ un anno diverso dai precedenti due, tuttavia il lavoro fatto nelle prime due stagioni è stato buono. Ora abbiamo alcune difficoltà, erano previste, ma anche l’anno scorso dopo cinque gare avevamo solo cinque punti e poi ci siamo ripresi.” Poi il tecnico ha iniziato ad introdurre i loro avversari di domani sera:” L’Anderlecht ha due attaccanti molto bravi e forti fisicamente. Non dovremo snobbarli, ci vorrà rabbia per arrivare al risultato. Nell’anno scorso abbiamo avuto difficoltà con Bate e Viktoria Plzen: i belgi sono più forti, giocano meglio, quindi non sarà facile.


UNO SGUARDO AL PASSATO –
Eppure se avesse avuto la squadra di qualche mese fa forse non si sarebbe trovato in una situazione come questa. La difesa è rimasta orfana di Nesta e Thiago Silva, due nomi che davano sicurezza soltanto vedendoli in campo e adesso al loro posto è arrivato Acerbi; sono arrivati Montolivo e De jong ma Seedorf si è trasferito al Botafogo in Brasile e d’avanti si aspetta ancora che Pazzini scacci il fantasma di Ibrahimovich:” La squadra è molto cambiata rispetto all’anno scorso, serve tempo. Siamo in grado di lottare per i vertici del campionato, adesso però pensiamo alla Champions. Ci sono dei momenti difficili, non facciamoci prendere dalla negatività: serve voglia di rivalsa verso tutti. Per vincere lo scudetto bisogna vincere bene, ma ogni tanto si può vincere pur non giocando bene e non meritandolo. E’ accaduto anche a noi due anni fa, ma alla fine conta solo una cosa: il risultato.a cambiare qualcosa dal punto di vista tattico, ma c’è stato poco tempo da sabato ad oggi. Magari in seguito potremo cambiare qualcosa, per il momento però continuiamo così.” 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *