Redazione

Coppa Davis: si comincia con la lunga sfida tra Italia e Cile

Coppa Davis: si comincia con la lunga sfida tra Italia e Cile
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il weekend lungo incomincerà domani, sarà Seppi il primo a gareggiare per gli italiani

NAPOLI, 13 SETTEMBRE – All’alba di tre giorni di grande tennis, in una Napoli incappucciata sotto la pioggia, si prepara la sfida tra Italia e Cile di Coppa Davis. È tutto pronto, anche il nuovo campo di terra rossa si sta trasformando per gli azzurri. Non è l’incontro più importante della stagione, ma il weekend napoletano sarà comunque una prova da tenere sott’occhio. Contro il Cile la nostra nazionale ha sempre avuto la meglio, con 5 vittorie a 0 e anche questa volta parte come favorita. Non solo perché il nuovo campo di via Mergellina sta venendo innaffiato dalle prime piogge autunnali, che lo rendono più favorevole per Seppi, il quale aveva lamentato la troppa aridità del terreno, ma soprattutto per il divario tecnico tra i giocatori. Inoltre la squadra sudamericana non conta più tra le sue file i suoi giocatori migliori: Gonzalez e Massu.

VIA ALLE DANZE – Oggi intanto si è tenuto il sorteggio delle partite, che saranno tutte visibili sulla web tv del Supertennis (sul sito supertennis.tv). I primi a scendere in campo domani, alle 11,15, saranno Seppi e Hormazabal, che ben riflettono il divario tecnico tra le due formazioni. Il primo occupa la posizione 28 del ranking Atp, mentre il cileno è solo al numero 289. A seguire ci sarà il match tra Fognini e Capdeville. Il ligure è nella posizione 54 della classifica, mentre il suo avversario – il migliore tra i cileni – è solo alla 107. Il clima tra gli italiani sembra sereno, tanto che Fognini ha commentato così l’incontro di domani: “Sono in buona forma, sono stato fermo una decina di giorni ma ora mi sono allenato bene e sono pronto. Non sono preoccupato: parto favorito, ma Capdeville è il loro elemento di maggior carisma e non va sottovalutato”.  Anche Corrado Barazzutti, il c.t. degli azzurri è sembrato ottimista e poco preoccupato. “I miei sono tutti giocatori di esperienza, dei professionisti.” Ha detto il tecnico. “E sanno benissimo che le classifiche in Davis non valgono più di tanto. Scenderemo in campo con umiltà, cercando di vincere. Qual è la forza di questa squadra in termini assoluti? Non è un discorso che voglio affrontare adesso, ne riparleremo solo quando avremo vinto questa sfida”.

GLI ALTRI INCONTRI – Queste partite non sono fondamentali, è vero, ma servono per misurare il grado di salute di una squadra. Per questo, anche se l’Italia conta di preparare la vittoria già dopo due giorni, saranno comunque da seguire attentamente gli ultimi incontri che si terranno a Napoli. Sabato, alle 13,30, ci sarà il doppio con Bolelli e Bracciali contro Capdeville e Aguilar, mentre domenica a partire dalle 11,15, si disputeranno le gare tra Seppi e Capdeville e tra Fognini e Hormazabal. Nel frattempo si giocherà anche in Spagna, a Gijon, dove a sfidare i campioni di casa ci saranno gli Stati Uniti e a Buenos Aires l’Argentina ospiterà la Repubblica Ceca.

LA REGOLA DEL NET – Occhi puntati sulla Coppa Davis, quindi, soprattutto perché potrebbe essere una delle ultime volte che la regola del net interromperà la storia delle partite. Il Consiglio dell’Atp ha infatti approvato a New York l’esperimento di abolire la regola, che per alcuni deve essere risultata troppo fastidiosa, almeno negli incontri Challenge. In un futuro non troppo lontano ci potrebbe essere la modifica del regolamento anche per tutte le altre partite, sperando che questo non rovini parte dell’atmosfera del tennis, che in fondo è fatta anche di lunghe pause, seguite da boati di pubblico plaudente.

Nicolò Salvatore

Share Button

One Response to Coppa Davis: si comincia con la lunga sfida tra Italia e Cile

  1. remigio 14 settembre 2012 at 9:35

    sarà una sfida tutta da vedere … sul campo sappiamo benissimo che certe

    differenze di classifica si azzerano soprattutto in coppa davis . bisogna anche aggiungere che una nazionale così mediocre forse non la abbiamo mai avuta . comunque forza noi . ciao

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *