Orazio Rotunno

Calciomercato Inter, Quagliarella il vice-Milito da gennaio. Paulinho si farà: ecco la condizione

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MILANO, 13 SETTEMBRE – Il mercato si è appena concluso, ma sono numerosi gli affari saltati all’ultimo minuto, o solo rinviati di pochi mesi. Fra questi, Fabio Quagliarella quale nuovo attaccante dell’Inter è il più vicino alla realizzazione. Le prime partite stagionali hanno chiarito le gerarchie nell’attacco juventino, e l’ex Napoli è l’ultimo dei 5 attaccanti. Con l’arrivo possibile di Llorente sarebbe ceduto sicuramente. A centrocampo Paulinho è praticamente un giocatore dell’Inter: 12 milioni più bonus ed arrivo a gennaio. Ma ci sono anche delle alternative?

PIU’ QUAGLIARELLA CHE FLOCCARI: PAULINHO C’E’, IDEA OBIANG – Si lavora già per la prossima sessione di mercato in casa Inter. La ricerca di un attaccante e centrocampista sono le necessità primarie, soprattutto se come prevedeibile, la squadra di Stramaccioni dovesse proseguire il suo percorso in Europa e Coppa Italia. Quagliarella è l’ideale, anche a livello tattico: capace indifferentemete fungere da prima o seconda punta. Stesso discorso per Floccari, in esubero nella Lazio, ma il bianconero si fa preferire per caratura internazionale ed età. La formula sarebbe quella del prestito, ma sooprattutto in caso di arrivo di Llorente a Torino si opterebbe per un trasferimento a titolo definitivo, sulla base di 5 milioni di euro. Nelle ultime ore è circolata una clamorosa voce riguardo un possibile ritorno di Obafemi Martins, svincolato attualmente, e che di recente è venuto a salutare i suoi ex copagni alla Pinetina, ma tale pista non trova riscontri.

Meno intricata la situazione a centrocampo. Paulinho è cosa fatta, c’è il si del giocatore e l’accordo col club, sulla base di 12 milioni di euro più bonus. Ci sono però delle alternative, o eventuali aggiunte, dell’ultimo minuto. La prima è quella di Obiang, in queste ore accostato anche alla Roma: centrocampista di quantità, buona tecnica di base, e classe 92′. Ha impressionato nelle prime due esibizioni, in particolar modo nella vittoriosa trasferta di San Siro. Il suo cartellino è destinato a salire non poco, sarebbe un ottimo investimento per il futuro. Meno calda la pista che porta a Kuzmanovic, in scadenza di contratto con lo Stoccarda.

Orazio Rotunno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *