Leonardo Andreini

“L’accademia del portiere”: l’analisi della 2a giornata di Serie A

“L’accademia del portiere”: l’analisi della 2a giornata di Serie A
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

FIRENZE 12 SETTEMNRE – Parte questa sera la rubrica relativa ai portieri della Serie A; analisi, commenti e classifica settimanale per approfondire uno dei ruoli più difficili e pressanti del calcio. Un ricchissimo focus che parte con una giornata di ritardo, difatti ha inizio dalla seconda giornata e vi accompagnerà per l’arco di tutto il torneo italiano.

TOP GOALKEEPER – Senza dubbio al primo posto non può che esserci Andrea Consigli estremo difensore bergamasco che compie l’impresa di intuire e parare due calci di rigore nel match fra la sua Atalanta e il Cagliari. Il primo penalty calciato al 19’ da Larrivey sulla sua sinistra e respinto in angolo , e il secondo calciato da Daniele Conti al 27’ dalla parte opposto, e per poco addirittura non bloccato. Chapeau per un portiere rivelazione dello scorso anno; cresciuto nelle giovanili dell’Atalanta e che vista l’età(classe 87’) ha tutto il futuro davanti a se.

Al secondo posto dei TOP troviamo l’argentino Mariano Andujar, protagonista nel finale di un miracoloso intervento che salva letteralmente il risultato e fa guadagnare al Catania un’importante vittoria casalinga. Sale sul podio anche l’estremo difensore pescarese che nonostante le tre reti subite compie una partite da protagonista. Il suo nome è Mattia Perin e , “vittima” scelta in questa giornata dal Torino che in casa batte i bianco azzurri con uno scarto di tre reti. Rigore parato con l’ausilio  del palo e grande sicurezza dimostrata per tutto l’arco dei novanta minuti. Prandelli e Mangia staranno guardando con piacere crescere portieri come lui.

FLOP GOALKEEPER – Al primo posto di questa “temibile” classifica si posiziona il portiere del Bologna Federico Agliardi, che in alcune circostanze appare insicuro specie nelle uscite capitate nel primo tempo. Indovina l’angolo del rigore e per poco non c’arriva ma poi sicuramente ha un po’ di sfortuna sul rocambolesco secondo goal del Milan, dove l’estremo difensore rossoblù chiama a gran voce la palla, ma mentre spinge per raggiungere il pallone sbatte contro il suo compagno di squadra e perde la sfera dalle mani, appostato c’è Pazzini che ringrazia e sigla una delle reti più facili della sua carriera.
Al secondo posto non può non esserci il portiere serbo dell’Udinese Zeljko Brkic il quale dopo appena un quarto d’ora di gioco si fa espellere per un uscita a valanga su Vidal; scelta di tempo sbagliata per il friulano e rosso sacrosanto, episodio questo che condizionerà e non poco la sfida fra Udinese e Juventus.
Terzo posto per Sebastien Frey, in forza al Genoa e impegnato nella difficile trasferta in terra catanese. Sbaglia il tempo d’uscita sul primo goal locale, andando a chiudere troppo in avanti su Bergessio; sul secondo goal poteva, e doveva, uscire evitando l’incornata vincente di Bergessio, infine sul terzo goal del Catania avvenuto da una punizione decentrata e calciata da Ciccio Lodi il francese appare lento e goffo nela caduta.

Alla prossima settimana con l’appuntamento per i soli numeri 1…

Leonardo Andreini

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *