Redazione

Rossi-Ducati per l’ultima volta in Italia

Rossi-Ducati per l’ultima volta in Italia
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il binomio tutto italiano che tanto aveva fatto sognare i tifosi italiani di MotoGP e che tanto ha deluso, correrà a Misano per l'ultima gara casalinga della sua breve e non entusiasmante storia.

Valentino Rossi sulla Ducati

MISANO, 12 SETTEMBRE- Che il gran premio di Misano sia una gara speciale, è al di fuori di ogni dubbio: lo è per Ducati, essendo uno dei due tracciati di casa, e lo è per Valentino Rossi, originario di Tavullia, che dista 15 kilometri dal tracciato. Ma i due sposi prossimi al divorzio vivranno questo weekend di gare in modo completamente diverso.

Ducati

Per Ducati si tratta di una gara importante, che segna il ritorno di Nicky Hayden in sella alla moto della scuderia di Borgo Panigale dopo l’infortunio alla mano destra subito nelle qualifiche di Indianapolis e che lo hanno costretto a saltare anche la gara di Brno: venerdì proverà la tenuta fisica dell’arto.”Non vedevo l’ora di tornare in azione ma so che il prossimo fine settimana non sarà affatto facile. La mia mano sta migliorando  –  spiega Nicky – e una delle due fratture sta guarendo velocemente mentre la seconda è ancora piuttosto marcata. Purtroppo La frenata, con queste moto, esercita una forte pressione sulla mano destra in particolare su piste che girano in senso orario come Misano. In ogni caso è una delle piste di casa della Ducati, mi piace e spero davvero di riuscire a fare la gara“.

Valentino Rossi

Misano è una delle nostre due gare di casa, ci saranno tanti tifosi e l’atmosfera sarà speciale, come sempre quando si corre in Italia. La pista è molto impegnativa e difficile, ma presenta delle sezioni davvero divertenti come quella dall’uscita dalla curva del Tramonto ai curvoni veloci dopo il rettilineo posteriore. Dobbiamo lavorare bene in prova e cercare di fare una bella gara, combattere e giocarcela“. Rimane solo questo a Valentino Rossi: correre per divertirsi e per l’orgoglio di essere un pilota italiano in sella alla Ducati su un circuito italiano, che da quest anno è intitolato al grande amico Marco Simoncelli: infatti, Rossi ha già pronto il suo contratto con la Yamaha per tornare a guidare la M1 gemella di Jorge Lorenzo, e nè a lui nè a Ducati interessa tentare di sviluppare ancora la rossa, progetto tentato da due anni a questa parte e quasi mai riuscito.

Per ora Valentino vince la gara di solidarietà: in occasione del gran premio intitolato a Marco Simoncelli, uscirà una canzone dedicata all’indimenticato capellone. I proventi andranno tutti alla fondazione Simoncelli, ma non solo: i The Rainband hanno realizzato una chitarra Fender dedicata al Sic, che sarà firmata da tutti i piloti e messa all’asta su Ebay, e la prima offerta è proprio del nove volte campione del mondo di MotoGP.

A cura di Matteo Mistretta

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *