Redazione

Diritti tv, Sky sorpassa la Rai: su Cielo i primi goal della domenica

Diritti tv, Sky sorpassa la Rai: su Cielo i primi goal della domenica
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il logo della Serie A

ROMA, 12 SETTEMBRE – Secondo alcuni sarà la fine di un’era. Per tutti gli appassionati di calcio, certamente una piccola rivoluzione. La Lega Calcio ha ufficializzato l’acquisizione dei diritti in chiaro da parte di Sky: l’emittente di Rupert Murdoch trasmetterà le sintesi delle gare della domenica appena 45′ dopo la conclusione degli incontri, in anticipo quindi rispetto allo storico programma targato Rai1 “90° Minuto” sul suo canale in chiaro Cielo.

SORPASSO DEFINITIVO – “La Lega Nazionale Professionisti Serie A comunica, in esito alle offerte ricevute entro le ore 12.00 del 6.9.2012 e ai sensi di quanto previsto dall’invito a presentare offerte pubblicato in data 20.7.2012, di aver assegnato a SKY Italia per le stagioni sportive 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 il PACCHETTO 6A avente ad oggetto i diritti audiovisivi da esercitarsi in forma esclusiva sulla piattaforma televisiva Digitale Terrestre in chiaro e/o Satellite in chiaro in ambito nazionale.” Così lapidariamente scarno si presenta il comunicato della Lega Serie A, destinato a cambiare le abitudini di tanti italiani.

L’appuntamento con la storica trasmissione condotta oggi da Franco Lauro è infatti ormai legato alla tradizione televisiva italiana, fin da quando, nel lontano 1970, Paolo Valenti diede i natali ad un format destinato ad un clamoroso successo. Oggi può davvero essere l’anno zero dell’informazione sportiva: Sky sembra voler proporre, oltre ai goal, anche un programma di intrattenimento domenicale che prenda il posto nel cuore dei tifosi dell’altrettanto celebre “Quelli che il calcio”, grazie al ritorno alla conduzione di Simona Ventura, passata all’emittente inglese appena l’anno scorso. La Rai non perderà la possibilità di trasmettere in chiaro le sintesi post-partita, ma dovrà arrendersi ad arrivare, ancora una volta, alle spalle dei grandi gruppi privati. Se la manovra di Sky avrà buon esito, tempi duri aspetteranno la Rai, sempre meno presente nell’offrire allo spettatore un palinsesto di qualità e quantità. La nuova era è appena cominciata.

Angelo Chilla

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *