Luca Guerra

Serie Bwin, la Top 11 della 3^ giornata

Serie Bwin, la Top 11 della 3^ giornata
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

E' del Sassuolo la leadership nel weekend. Emiliani capolista e seguiti dal Bari-rivelazione, seconda rete stagionale per Kone.

 SASSUOLO, 11 SETTEMBRE- Turno ricco di emozioni quello trascorso nell’ultimo weekend in serie B, dove è andata in scena la terza giornata. In vetta c’è il Sassuolo, corsaro ad Empoli. Dopo le vittorie del Varese in trasferta e del Verona tra le mura amiche negli anticipi del venerdì, la Serie cadetta ha regalato le vittorie di Bari, Crotone, Sassuolo e Livorno rispettivamente contro Ternana, Cittadella, Empoli e Pro Vercelli. Pareggio per il Padova, Juve Stabia e Lanciano contro Grosseto, Vicenza e Ascoli. Nei posticipi lo Spezia trionfa in rimonta sul Brescia, mentre il Novara espugna Cesena per 4-1. Per la terza settimana di fila, sono Sassuolo e Bari a regalare il maggior numero di esponenti, 2, (tre con l’allenatore Di Francesco per gli emiliani neroverdi) alla Top 11 del torneo. La Top 11 si dispone con il 3-4-1-2, andiamo a vederne i componenti:

PORTIERE:

Emanuele Concetti (Crotone): E’ suo il merito della rimonta crotonese in casa contro il Cittadella. Sul risultato di 0-1, risponde “presente” in almeno cinque occasioni, confermandosi uno dei migliori portieri della categoria. Saracinesca;

DIFENSORI:

Samuele Olivi (Grosseto): Governa la retroguardia maremmana nel pari di Padova, e trova anche la rete del momentaneo vantaggio all’ ”Euganeo” con un perentorio stacco di testa su corner da sinistra. Ritrovato;

Gennaro Scognamiglio (Juve Stabia): Centrale di difesa con il “vizietto” del gol, nella sfida interna contro il Vicenza prima annulla Plasmati, poi trova il gol del pari con una bella girata mancina in area, regalando il primo punto stagionale alle “vespe”. Double-face;

Diego Polenta (Bari): Molti si chiederanno: ma è lo stesso arrivato dal Genoa nella scorsa stagione? Il difensore uruguaiano nella difesa a 3 imbastita da Torrente si è ritrovato, e anche contro la Ternana non permette a Ragusa e Dumitru di graffiare. Trasformato;

CENTROCAMPISTI:

Simone Laner (Verona): Quando è mancato nel centrocampo di Mandorlini, si è notato. La sua prima rete con gli scaligeri porta in dote la prima vittoria in campionato: astuzia e forza nella marcatura e nella prestazione contro la Reggina al “Bentegodi”. Caterpillar;

Moussa Kone (Varese): Fa legna in mezzo al campo ed è micidiale quando avanza. Si procura il rigore poi trasformato da Ebagua e segna il secondo gol decisivo in altrettante esibizioni. Due sigilli che sono valsi quattro punti in più ai lombardi. Schiacciasassi;

Simone Missiroli (Sassuolo): Mister Di Francesco lo avanza alle spalle della punta e lui si fa subito valere nella mischia, scombussolando la mediana empolese e propizando il centro dell’1-0 con una gran girata di testa. Signore della mediana;

Pasquale Schiattarella (Livorno): E’ lui il vero fattore aggiunto nel centrocampo labronico. Nel match vinto sulla Pro Vercelli conquista il rigore del vantaggio ubriacando Bencivenga e subendo il fallo che porta alla rete di Paulinho. Rinato;

TREQUARTISTA:

Antimo Iunco (Bari): La furbizia e la rapidità con la quale trova il centro del vantaggio sulla Ternana approfittando dell’errore di Brignoli sono l’emblema del Bari operaio, abile a sfruttare gli errori altrui. Agile nel recupero palla e assist per il raddoppio di Caputo. Folletto astuto;

ATTACCANTI:

Agon Mehmeti (Novara): si presenta al grande pubblico italiano con la tripletta che spazza via il Cesena in soli 45’ e ribalta la panchina di Campedelli. Lo dipingevano come un piccolo Ibra, ne staremo vivendo i primi passi…? Talento;

Leonardo Pavoletti (Sassuolo): Gli starà sembrando di vivere una favola: a 24 anni è al primo anno da titolare in B, e le reti dopo 270’ sono ben cinque. A Empoli suggella con una tripletta “versatile” (testa, destro e sinistro) il primo posto del Sassuolo e decide il match del “Castellani”. Cannoniere implacabile;

ALLENATORE:

Eusebio Di Francesco (Sassuolo): Smentiti i tanti critici che pensavano a un Sassuolo ridimensionato dopo la campagna di ringiovanimento estiva. Lui non li ha ascoltati, e ha imbastito una formazione corta sul campo e implacabile in avanti. Primo posto meritato. Riscattato;

 

TOP 11: Concetti (Crotone); Olivi (Grosseto), Scognamiglio (Juve Stabia), Polenta (Bari); Laner (Verona), Missiroli (Sassuolo), Kone (Varese), Schiattarella (Livorno); Iunco (Bari); Pavoletti (Sassuolo), Mehmeti (Novara).

Allenatore: Di Francesco (Sassuolo).

A cura di Luca Guerra

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *