Giuseppe Alessi

Us Open: Andy Murray corona il sogno di vincere il primo Slam

Us Open: Andy Murray corona il sogno di vincere il primo Slam
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Ricarica la pagina per visualizzare man mano gli aggiornamenti

NEW YORK, 10 SETTEMBRE – Novak Djokovic contro Andy Murray, ovvero il numero 2 contro il numero 4, secondo il ranking ATP. Il britannico, a un mese dal successo olimpico, si trova in stato di grazia, avendo eliminato Berdych in quattro set. Djokovic arriva in finale dopo un cammino esaltante: si è, infatti, aggiudicato tutti i set a disposizione tranne uno, in semifinale contro lo spagnolo David Ferrer. Sugli spalti, tra gli altri, Sean Connery e Kevin Spacey. Unico ospite indesiderato sembra essere il vento, che potrebbe rischiare di rovinare un match che si preannuncia entusiasmante.

1° SET, MURRAY- DJOKOVIC 1-0: Parte benissimo Murray che, alla prima occasione, riesce a strappare il servizio al serbo, il quale prontamente risponde aggiudicandosi due giochi. Il match è molto equilibrato e molteplici sono gli scambi avvincenti. Murray prima prende fiducia e si porta sul 4-2, poi, a causa di un paio di errori di misura, subisce la rimonta di Djokovic che porta a casa tre game: 4-5. Dopo essersi guadagnati i punti del servizio, si va al tie-break, il più lungo della storia dello US Open: finisce 12-10 per Murray, che sfrutta la sesta palla-set a sua disposizione.

2° SET, MURRAY-DJOKOVIC 2-0: Djokovic sembra aver sentito il primo montante di Murray: inanella infatti una serie di errori che lo portano ad essere sotto 0-4. Il campione serbo, però, trova la forza di rispondere e dimezza il distacco: 2-4. Al settimo gioco però Murray riesce a tenere il servizio (5-2). Djokovic non è ancora vinto e mette a segno i due game del servizio e il break in mezzo. Sul 5-5 Djokovic si riporta pienamente in partita, ma, proprio quando dovrebbe premere sull’acceleratore, si trova davanti un Murray molto aggressivo che porta a casa il set del 6-5 e quello del 7-5 che vale il set. 2-0.

3° SET, MURRAY-DJOKOVIC 2-1: La terza frazione si apre, però, sotto il segno di Djokovic che riesce a rubare il servizio allo scozzese. Ma è nel sesto game che Djokovic dà prova della sua forza: sul parziale di 3-2 a favore, Nole annulla due palle-break e ai vantaggi raddoppia le distanze. 4-2. Il vento in questo terzo set è però tanto incisivo quanto fastidioso, quindi, finisce per propiziare tanti errori, soprattutto al servizio, sia da una parte che dall’altra. A fare la differenza, ai fini della conquista del set, è la percentuale, altissima, delle seconde di servizio del serbo. Grazie a questo e ai primi errori in rovescio di Murray, Djokovic torna a farsi sotto: 6-2.

4° SET, MURRAY-DJOKOVIC 2-2: L’inerzia, adesso, è tutta dalla parte di Djokovic, il quale con una freschezza ritrovata riesce a trovare il break in apertura. Avanti per 2-0, però, si vede annullata la palla del secondo break consecutivo. Murray, che psicologicamente sembra pagare qualcosa, rimane aggrappato a un break di svantaggio. Djokovic salva il turno di battuto dopo aver annullato la palla-break che avrebbe consentito a Andy Murray di rientrare nel set. 1-3, quindi 2-3. Il sesto game è segnato da due rallies, lunghe serie di scambi, 21 e 30, e da un ace, grazie al quale il serbo allunga sul 4-2. Quindi 4-3, 5-3. Il secondo break del set per Djokovic vale il quinto set dopo 4h e 3′ di gioco.

5° SET, : Pesante il break di apertura che consente a Murray di portarsi sul parziale di 1-0. Il 2-0 è propiziato da una valorosa difesa dello stesso Murray. Arriva nel terzo gioco una grande prova di forza di Murray che strappa coi denti il secondo break consecutivo e mette una serie ipoteca sulla finale. Il controbreak di Djokovic lo riporta con un break di svantaggio, quindi tiene la battuta: 3-2 da 3-0. Il sesto game, di fatto, non viene giocato: i quattro punti per Murray vengono fuori dalle battute di servizio. Per la terza volta Andy Murray acciuffa il servizio dalle mani di Djokovic che, all’improvviso, sembra essere crollato fisicamente: infatti, chiede l’intervento del fisioterapista, ma il pubblico non apprezza e lo sommerge di fischi di disapprovazione. Djokovic annulla la prima palla match di Murray con uno smash ma la seconda risposta di dritto del serbo finisce lunga: vince Murray, il quale ha mostrato di essere più fresco atleticamente. Andy Murray da Glasgow corona il sogno di vincere il primo Slam della sua carriera a un mese dal successo olimpico: lo US Open è suo.

Giuseppe Alessi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *