Connect with us

Football

Qualificazioni Mondiali, Bulgaria-Italia 2-2: azzurri sottotono ma c’è Osvaldo

Pubblicato

|

SOFIA, 8 SETTEMBRE – Poteva andar meglio, ma poteva anche andar peggio. La prima partita dell’Italia valida per le qualificazioni ai Mondiali 2014 non è brillantissima. Dopo un primo tempo equilibrato, nella ripresa la squadra di Prandelli è notevolmente calata, dando spazio ai bulgari che avrebbero anche potuto provare il colpaccio e che invece , per fortuna, si sono accontentati. Brilla Osvaldo, autore della doppietta che ci consegna il primo punto del girone.

FALSA PARTENZA L’Italia si presentava col 3-5-2, dedito a sfruttare nel migliore dei modi il blocco Juve, le incursioni di Maggio e la forza di Osvaldo. La prima frazione non è da buttare, anche se l’Italia, in particolare la difesa, appare troppo distratta e confusionaria. La creazione della manovra è troppo lent e i bulgari vanno prima vicini al vantaggio con Ivanov, che vede deviarsi il tiro da un miracolo di Buffon, e poi trovano il gol con una botta di Manolev.

OSVALDO: MENO MALE L’Italia a questo punto si sveglia e il brasiliano confeziona un uno-due tremendo. Prima realizza l’1-1 con un gol da due metri e poi colpisce di spalla , complice la deviazione di Ivanov, trovando l’1-2. Gli azzurri ricapovolgono la situazione e tutto sembra aggiustarsi. Invece i bulgari non demordono: il bomber di casa, Popov, sfiora il gol in due occasioni che terminano a lato di pochissimo. La ripresa però è unicamente a tinte est-europee: Mylanov pareggia al 66′, Mizanski e Manolev sfiorano il controsorpasso. Ma si chiude sul 2-2.

BICCHIERE MEZZO VUOTO Prandelli alla fine dice che va bene cosi. Ed in fondo ha ragione. Certo però non è facile vedere il bicchiere mezzo pieno. Difesa imprecisa, esterni bloccati, Giovinco spento, Ogbonna spaesato; a ciò si aggiungono gli infortuni di De Rossi e Balzaretti, che preoccupano tutti i tifosi italiani, quelli giallorossi soprattutto. E’ vero, c’è tutto il tempo per rimediare. Ma martedi contro Malta c’è già il dovere di riscattarsi.

Antonio Fioretto

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending