Redazione

Caso Conte: entro il 7 ottobre la pronuncia del Tnas

Caso Conte: entro il 7 ottobre la pronuncia del Tnas
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Entro il 7 ottobre ci sarà la sentenza per Antonio Conte e intanto il solito Mourinho anima l'atmosfera

ROMA, 7 SETTEMBRE – Manca poco ormai alla sentenza. Antonio Conte  aspetta e intanto il Tribunale nazionale di arbitrato per lo sport (Tnas) deciderà se confermare i 10 mesi di squalifica nei suoi confronti. Cosa succederà si saprà tra non molto, più precisamente tra un mese esatto. Il 7 ottobre, infatti, il Tnas dirà la sua sul caso Conte, una questione piuttosto importante, considerando che è in ballo la panchina dei campioni d’Italia.

LA DECISIONE – Anche se la Juventus ha già dimostrato ampiamente la  vicinanza al suo tecnico (che non verrà rimosso dall’incarico, ma sarà rincorso dalla società torinese), resta ancora da vedere se la giustizia sportiva condannerà completamente il suo operato. Telecamere e obiettivi puntati quindi su Roma, dove l’avvocato Massimo Zaccheo è stato nominato presidente del Collegio arbitrale. Sono stati designati anche gli arbitri dalle parti in causa: il prof. Guido Calvi da parte di Conte e l’avvocato Enrico De Giovanni per la Figc. Per l’allenatore della Juventus non resta che l’attesa, prima che venga deciso definitivamente circa i fatti avvenuti quando era ancora al timone del Siena e in particolare riguardo la partita degli altri bianconeri, contro l’Albinoleffe.

INNOCENTE – Che Conte sia colpevole o no, questa storia sta però nel frattempo colpendo duramente il calcio italiano, sempre più visto come un microcosmo solcato da interessi e truffatori. Cosa accadrà entro il 7 ottobre è ancora da capire, anche se, tralasciando i commenti juventini, c’è ancora chi difende a spada tratta l’allenatore pugliese. Durante l’incontro tra i migliori allenatori del mondo tenutosi a Nyon, in Svizzera, l’onnipresente José Mourinho ha voluto commentare a modo suo l’assenza del collega, che non è stato invitato per le proprie vicissitudini giudiziarie. “Perché Conte non è qui?” Ha domandato il tecnico del Real Madrid agli organizzatori dell’evento (la stampa). “Non l’hanno invitato perché è squalificato? Ma quante storie… Mica ci alleniamo qui, mica scendiamo in campo con le nostre squadre: è un incontro fra tecnici in terra neutrale. Siamo o non siamo in Svizzera? Dite che lo chiamano il Mourinho italiano? La cosa mi onora, Antonio mi piace un sacco come allenatore. E’ un vincente, sa quello che vuole, ha carisma”. Sperando che il carisma di Conte sia di buon auspicio riguardo l’esito del verdetto del Tnas, attendiamo nel frattempo con ansia l’arrivo del fatidico 7 ottobre.

Nicolò Salvatore

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *