Redazione

Lega Pro, “Beneventum” per il Perugia che vince 2 a 1 contro la squadra campana

Lega Pro, “Beneventum” per il Perugia che vince 2 a 1 contro la squadra campana
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

PERUGIA, 3 SETTEMBRE 2012 – Benevento anche per il Perugia. La squadra della città campana, un tempo Maleventum, poi ribattezzata dai Romani Beneventum perché lì avevano sconfitto Pirro, porta fortuna anche ai perugini. Un 2 a 1 finale che spinge con forza i biancorossi, all’alba della nuova stagione di Lega Pro.

Via al girone B della prima divisione di Lega Pro. Stasera è toccato a Perugia – Benevento,  partita attesa, che ha saputo rispettare le aspettative. Al Curi sono scesi in campo il 4-2-3-1 di Battistini del Perugia, in formato bolide da Formula Uno e il più compatto e classico 4-3-3 di Martinez. Motori pronti per la nuova stagione, poi l’arbitro Saia di Palermo ha fischiato l’inizio.

Il primo quarto d’ora è stato dominato dall’equilibrio: le due squadre si sono studiate attentamente, prima di tentare una qualche mossa. Poi è stato il Perugia a prendere l’iniziativa. Gli undici spingono in avanti fino ad arrivare vicino all’area avversaria, dove nasce il cross di Rantier acciuffato da Clemente che prova il controllo, ma Gori è attento e salva la porta del Benevento. La partita procede senza troppe emozioni, i giocatori stanno appena uscendo dalla fase di studio, fino a quando al 28’ è la squadra campana a provare a pungere  il nemico. Quasi ci riesce grazie ad una deviazione di Mancosu, però la palla rimbalza fuori. È ancora presto per i goal.

Il 32’ è ancora il minuto di Clemente, che tenta a insaccare da calcio di punizione e spolvera l’incrocio dei pali. Ci prova poi al 36’ anche Politano, che dopo aver scartato due giocatori calcia dal limite, ma Gori para con freddezza in due tempi e viene caricato da Ciofani, che per questo si becca un cartellino giallo. La partita si anima sempre di più. Al 40’ si fa ammonire anche Di Tacchio, poi al 41’ è Muntiel del Benevento a tentare da punizione e solo l’abile parata di Koprivec scongiura il vantaggio. Il portiere biancorosso viene ancora impegnato prima dello scadere della prima frazione e respinge un tiro di Marchi, poi tutti vengono invitati a bere il classico tè di rito.

Al ritorno delle due squadre in campo si nota il lavoro degli allenatori. Passano solo 3’ e Clemente prepara un passaggio rasoterra per Rantier, che non si fa intimidire da Gori e gonfia la rete dietro di lui. Il Benevento non sbanda e il match continua con un certo agonismo, anche se privo di grandi conclusioni. Bisogna aspettare il 34’, quando Mancosu crossa per Altinier sul secondo palo e l’attaccante campano non sbaglia, portando il punteggio di nuovo sul pari. Passano solo 6′ e una partita che sembra già decisa, viene stravolta dalla giocata di Ayres, che regala un passaggio di tacco ad Anania, il quale crossa subito in mezzo e Ciofani di testa non manca il bersaglio. 2 a 1 per il Perugia e manca poco alla fine.

Ma è proprio a questo punto che il Benevento si scatena e ribalta gli equilibri della partita, pressando i giocatori di casa nella loro metà campo, cingendo d’assedio la porta di Koprivec per 4 interminabili minuti. Ma i biancorossi superano anche questa prova, la difesa regge e conservano così i loro 3 meritati punti, che fanno ben sperare. Siamo solo all’inizio, ma il Perugia sembra già convincere e ai tifosi, a questo punto, non rimane che sperare che non si sia trattato solo di un fortunato “Beneventum”.

di Nicolò Salvatore

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *