Redazione

F1: Spa, Button vince il Gp del Belgio

F1: Spa, Button vince il Gp del Belgio
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L’incidente alla partenza: coinvolti Grosjean, Hamilton, Alonso e Perez

SPA, 2 SETTEMBRE 2012 – Rientrati dalla pausa estiva, la F1 ha fatto tappa sullo storico circuito delle Ardenne. Il GP è stato vinto da Jenson Button, seguito da Sebastian Vettel e da Kimi Raikkonen. Quarto un ottimo Hulkenberg, quinto Felipe Massa, sesto Mark Webber. Alonso ed Hamilton fuori già alla partenza.

LA GARA – Partiamo proprio dalla partenza: grande scatto di Alonso che si va a porre subito quarto, ma la sua gara dura poco più di 200 metri perchè dietro il solito Grosjean ne combina un’altra delle sue andando a chiudere Hamilton sull’erba e scatenando un maxi tamponamento a La Source, che coinvolge gli incolpevoli Hamilton, Alonso e Perez. Subito fuori dall’abitacolo, Hamilton dà del matto a Grosjean e ha tutte le ragioni del mondo per farlo, visto che per il francese si tratta del sesto incidente alla partenza, il terzo nelle ultime quattro gare. Safety Car in pista e gara neutralizzata. Si riparte dopo qualche giro con Button saldamente al comando seguito da Raikkonen e dalle Force India. Nelle retrovie Webber e Vettel si ritrovano imbottigliati nel gruppone ma nonostante questo riescono a scalare posizioni fino alla prima sosta. E’ al giro 21 che Button si ferma per la sua prima ed unica sosta della gara, rientrando in pista al comando con dietro Raikkonen a 10 secondi, Hulkenberg a 13 e poi a seguire più staccati Webber e Vettel. Il tedeschino, infastidito dalla presenza del proprio compagno di squadra davanti a lui, effettua un grande sorpasso all’ultima staccata sull’australiano e riesce così a sopravanzarlo, tentando una disperata rincorsa al podio. Al giro 28 la sosta numero 2 di Hulkenberg e Webber spiana la strada ai primi, Raikkonen segue ai box al giro 29. Qualche giro dopo è proprio Raikkonen a piazzare un sorpasso meraviglioso su Schumacher (GP numero 300 per lui a 21 anni dall’esordio in F1 proprio su questo tracciato) all’ingresso di Eau Rouge, roba da far venire i brividi per la spettacolarità della manovra. Al giro 36 si sveglia Felipe Massa che riesce, complice anche qualche pensierino per il rinnovo del contratto, a superare Webber e a tenerselo dietro per tutto il resto della gara. Non succede più nulla, posizioni immutate fino alla fine. Per Button è il secondo successo in stagione dopo la gara di apertura a Melbourne.

CLASSIFICHE – Nonostante tutto, Alonso resta al comando con 164 punti, mantiene 24 lunghezze di margine su Vettel (140) e 32 su Webber (132). Seguono Raikkonen (131), Hamilton (117) e Button (101). Nel costruttori la RedBull allunga andando a 272, seguita da McLaren (218) e Lotus (207). Ferrari quarta con 199 punti.

PROSSIMA GARA – Non c’è tempo di fermarsi che il circus si sposta su un altro storico circuito quale quello di Monza. Appuntamento a domenica prossima per un’altra appassionante gara di questo incerto mondiale.

Leo Mastromauro

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *