Antonio Foccillo

Supercoppa Europea, il ciclone Falcao si abbatte sul Chelsea

Supercoppa Europea, il ciclone Falcao si abbatte sul Chelsea
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Monaco,31 Agosto-  Basta un solo tempo e un solo uomo all’Atletico Madrid per aggiudicarsi la Supercoppa Europea. L’uomo è Radamel Falcao, che con una tripletta in 44 minuti, regala il secondo trofeo annuale ai tifosi Colchoneri .

La partita- Le squadre non hanno nemmeno il tempo di studiarsi che pronti via al 7′ minuto c’è subito il goal dell’Atletico Madrid con Falcao. L’attaccante colombiano si trova a tu per tu con Cech e lo beffa con un colpo sotto che David Luiz non riesce a intercettare sulla linea. Il Chelsea si butta subito in attacco per cercare subito di recuperare ma difetta negli ultimi venti metri nel trovare il passaggio decisivo. Ci prova quindi dai venti metri Hazard, con la palla che va sopra la traversa. Al 18′ però, dopo due tentativi di Arda Turan e Adrian Lopez andati a vuoto è ancora Falcao a infilare Cech, trovando un fantastico goal a giro di sinistro sul secondo palo, proprio come nella finale di Europa League.  Dopo dieci minuti è ancora l’Atletico a farsi vedere dalle parti di Cech con Gabi, autore dell’assist del primo goal, che però si fa parare il tiro dall’estremo difensore del Chelsea. Al 35′ è ancora Falcao ad andare vicinissimo al goal dopo che Adrian impatta male col pallone a porta vuota. E’ solo il palo a frenare la gioia dell’ex bomber del Porto che però  al 44′ si rifà subito: riceve palla da Arda Turan,controlla in area,brucia sullo scatto Ramires e infila Cech per la terza volta. Sulla terza segnatura dell’Atletico si chiude il primo tempo.  Il Chelsea è sotto shock. La manovra nel primo tempo risulta lenta e prevedibile, pochissimo movimento senza palla e possesso sulla trequarti avversaria assolutamente sterile. L’Atletico si dimostra invece molto vivace, con Ivanovic e Cole in sofferenza sugli esterni a causa delle accelerazioni di Turan e Suarez e dell’inarrestabile Falcao . Nel secondo tempo Di Matteo effettua subito un cambio, facendo uscire Ramires per Oscar. Primo brivido per l’Atletico al 50′, quando Torres prova il tiro da fuori area che finisce di poco a lato. Al 60′ su calcio d’angolo arriva però il quarto goal dell’Atletico Madrid con il goal di Miranda, che insacca di destro dopo un tocco di Suarez . Risultato pienamente meritato per gli uomini di Simeone. Dopo 9′ minuti è Koke a impegnare su punizione Cech, che vede arrivare la palla solo all’ultimo riuscendo a deviare in angolo. Il Chelsea continua a latitare. Al 74′ però arriva finalmente il goal degli uomini di Di Matteo grazie a Cahill, che trova la rete con un destro in mischia sugli sviluppi di un calcio d’angolo. All’85’ é ancora l’Atletico ad arrivare alla conclusione con Felipe Luis, con Cech che blocca in due tempi. Al 90′ palo dei Colchoneros per una deviazione di David Luiz su un traversone in area rasoterra del neo entrato Emre

UOMO PARTITA SPORTCAFE’24 :  FALCAO 9 – Semplicemente fantastico, una forza della natura. Uomo ovunque come si chiede al centravanti moderno, impegna la difesa del Chelsea in tutti i modi, anche nel gioco aereo nonostante il suoi 176 centimetri . I tre goal messi a segno stasera lo innalzano ancora di più nell’olimpo del calcio.

TABELLINO

Chelsea – 1  (74′ Cahill) Atletico Madrid – 4 (7′,18′,44′ Falcao, 60′ Miranda )

Le Formazioni

Chelsea (4-2-3-1):    Cech, Ivanovic, Cole (Bertrand 89′), Luiz, Cahill, Ramires (Oscar 45′), Lampard, Mikel, Hazard, Torres, Mata (Sturridge 82′). In panchina: Turnbull, Romeu, Meireles, Moses, .                           All.: Di Matteo

Atletico Madrid (4-4-2):  Courtois, Godín, Filipe Luis, Juanfran, Miranda, Mario Suárez, Koke (Raúl García 80′), Arda Turan,Gabi, Adrián López (Cristian Rodríguez 56′) , Falcao (Emre Belözoğlu 86′). In panchina : Sergio Asenjo, Sílvio, Cata Díaz, Diego Costa                         All.: Diego Simeone         

Ammoniti:  29′ Ivanovic (C)

Espulsi: nessuno

Arbitro: D.Skomina

 

Antonio Foccillo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *