Orazio Rotunno

Premier League, 2^giornata: Chelsea fa tris, United ok ma Rooney ko

Premier League, 2^giornata: Chelsea fa tris, United ok ma Rooney ko
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

LONDRA, 27 AGOSTO – Ha un solo padrone fino ad ora la Premier League, e sono i Campioni d’Europa del Chelsea allenati da Di Matteo. Tre su tre per i blues, che hanno già disputato la terza giornata mercoledi scorso in virtù dell’impegno di venerdi prossimo nella supercoppa europea. Si riprende lo United grazie ad un super Van Persie che timbra per la prima volta il cartellino con la maglia dei red devils, ma finisce ko Rooney per due mesi, brutto tagli alla gamba destra e dieci punti di sutura. Termina 2-2 il match clou Liverpool-City, stenta ancora l’Arsenal ancora alla ricerca del primo gol quest’anno. COntinua la favola Swansea ed Everton, al secondo successo di fila.

BLUES RULES, CRISI ARSENAL: RIPARTE LO UNITED – Cercasi rivale per il Chelsea: virtualmente Swansea ed Everton avrebbero gli stessi punti, ma con tutto il rispetto, molto difficilmente saranno in grado di competere ai blues lo scettro di campioni d’Inghilterra. Nonostante l’immobilità sul mercato, motivo per altro nelle ultime ore di voci preoccupanti attorno a Mancini riguardo eventuali dimissioni, il City sembra la squadra da battere e destinata a contendere fino all’ultimo il titolo ai londinesi. Buon pareggio ottenuto in casa dei reds in rimonta, con la grave defezione di Aguero, e una dimostrazione di forza già perpetrata nei confronti del Chelsea con la vittoria in Community Shield. Il ruolo di terzo incomodo è presumibile spetti allo United, finalmente alla vittoria con i nuovi Van Persie e Kagawa, ma che rischia di perdere Rooney per almeno 2 mesi, pari a 14 partite. Il 3-2 al Fulham è più netto di quanto dica il risultato, ma la prestazione rischia di passare in secondo piano dopo l’infortunio grave subito dalla sua stella. Chi proprio non riesce ad ingranare è il nuovo Arsenal di Wenger: zero vittorie e zero gol in due partite contro avversari più che abbordabili, urge trovare rimedio. Tra le big stecca anche il Tottenham , raggiunto al 90esimo dalla sorpresa West Bromwich, reduce dal secco 3-0 sul Liverpool, e che ferma un’altro team illustre, ancora alla caccia della sua prima vittoria.

SWANSEA-EVERTON DA SOGNO, QPR STENTA ANCORA – L’altra faccia della Premier è in realtà protagonista di quest’inizio di campionato. Come raramente accade è la sponda blu di Liverpool a gioire in queste settimane, trascinati da un super Fellaini l’Everton viaggia a punteggio pieno, grazie all’autorevole vittoria per 3-1 in casa dell’Aston Villa. Lo Swansea se possibile fa anche meglio: 2 partite e 2 vittorie, 8 gol fatti e 0 subiti. Uno score da far paura, per una squadra che ha perso il suo timoniere Rogers ma ha conservato quell’identità che lo aveva portato ad essere soprannominato nella passata stagione ” Swanselona”, con chiaro e fantasioso riferimento al gioco dei blaugrana. Chiudono il oprogramma, Norwich-Qpr terminata sull’1-1 ed il Wigan che va a vincere 2-0 sul campo del Southampton, al quale evidentemente servirebbe uno come Ramirez dopo lo due sconfitte nelle prime due gare. Rinviata per maltempo Sunderland-Reading.

CLASSIFICA

Chelsea 9**, Swansea 6, Everton 6, West Brom 4, Fulham 3, Manchester City* 3, Newcastle* 3, Wigan 3, West Ham 3, Stoke* 1, Arsenal* 1, Sunderland* 1, Reading* 1, Norwich 1, QPR 1, Tottenham 1, Southampton 0, Aston Villa 0, Liverpool* 0.
*una partita in meno; **una partita in più

Orazio Rotunno

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *