Luca Guerra

Serie A 1^ giornata: la Lazio espugna Bergamo, ok Genoa e Chievo

Serie A 1^ giornata: la Lazio espugna Bergamo, ok Genoa e Chievo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Hernanes regala tre punti ai biancocelesti; a Siena pari a reti bianche tra i toscani e il Torino.

BERGAMO, 26 AGOSTO- Nelle altre quattro gare giocate nella prima giornata di serie A, pochi gol messi a segno e ancor meno sorprese: una Lazio pratica espugna Bergamo, di fronte a un’Atalanta apparsa giù di tono. Vittorie con il più classico dei risultati tra le mura amiche per il Chievo sul Bologna e il Genoa sul Cagliari, mentre a Siena i bianconeri toscani e il Torino decidono di non farsi male.

 

ATALANTA-LAZIO 0-1: 17’ Hernanes.

E’ la Lazio di Petkovic, ma è cinica come quella che fu di Edy Reja. Allo stadio “Atleti Azzurri d’Italia” i biancocelesti soffrono in avvio, con l’Atalanta vicina al gol con Moralez e il palo di Brivio, ma al 17’ colpiscono per l’1-0: azione manovrata da Klose per Mauri, che con un cross mancino preciso trova l’inserimento del “profeta” Hernanes. Nella ripresa i bergamaschi attaccano in maniera confusionaria, sfiorando il pari solo con Troisi e Parra e protestando per un “mani” di Gonzalez su punizione di Brivio. La Lazio manca il raddoppio con Klose, e finisce tra i fischi del pubblico di casa;

 

CHIEVO-BOLOGNA 2-0: 66’ Pellissier, 80’ Cruzado.

Di Carlo non aveva mai battuto Pioli in tre precedenti: l’allenatore veneto riesce nell’impresa al quarto tentativo. Primo tempo sonnolento, animato solo da qualche folata di Diamanti e Pellissier: nella ripresa cambia la musica, e il capitano clivense porta in vantaggio i suoi al minuto 66 anticipando Antonsson su un cross radente di Cruzado. Lo stesso peruviano è protagonista del gol del raddoppio: schema su corner da sinistra, cross basso di Luciano e Cruzado chiude con un piattone mancino dal dischetto che beffa Agliardi. Veronesi ben messi in campo, Bologna in ritardo e bisognoso di rinforzi dalla cintola in su;

 

GENOA-CAGLIARI 2-0: 51’ Merkel, 85’ Immobile.

Nella sfida a tinte rossoblù, hanno la meglio gli uomini di De Canio, sempre in possesso del pallino del gioco: al 18’ prima occasione per sbloccare il match. Fallo di Agazzi, che esce in maniera scomposta su Jankovic, e calcio di rigore per il Genoa: dal dischetto Jorquera spedisce a lato. L’assedio genoano trova i suoi frutti in avvio di ripresa: Granqvist recupera palla su Astori, la toglie ad Agazzi in uscita e serve Merkel che deposita in rete a porta vuota per l’1-0. Il raddoppio nel finale: al minuto 85 lancio lungo per Immobile, che controlla sulla destra, si accentra superando Astori e Rossettini, e supera Agazzi con un gran diagonale di sinistro. Piace il 4-3-3 genoano, da rodare la difesa sarda;

 

SIENA-TORINO 0-0

Per distacco il match meno divertente della prima giornata di serie A. Poche occasioni da rete e tanta paura di perdere tra due delle squadre “sottozero” del campionato: il Torino ci prova con maggiore convinzione, ma punge poco e recrimina per una grande occasione fallita nel finale da Meggiorini, su assist di Santana. Padroni di casa ancora in attesa di rinforzi, e incapaci di pungere in attacco con Bogdani e Calaiò. Il “brivido” più forte lo regala l’allenatore granata Ventura, bloccato da un “colpo della strega” mentre si dimenava per dare indicazioni in panchina nella ripresa. Siena che “sale” a -5 in classifica, mentre il Torino annulla la penalizzazione;

 

A cura di Luca Guerra

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *