Redazione

Milan, il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto?

Milan, il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MILANO, 29 MARZO – Il giorno successivo alla gara valevole per l’andata dei quarti di finale di Champions League la critica e gli appassionati si chiedono se il pareggio a reti bianche maturato a San Siro sia da considerarsi un buon risultato per gli uomini di Allegri oppure un passo falso in vista della gara di ritorno che si disputerà al Camp Nou.

I campioni d’Italia in carica avranno a disposizione due risultati su tre per passare il turno ed accedere alle semifinali ma non sarà certo agevole uscire imbattuti dal campo dei blaugrana che in casa hanno segnato, tra campionato e Champions League, la bellezza di 72 reti.

LA VITTORIA DELLA DIFESA – Chi si aspettava una gara aperta e ricca di colpi di scena sarà rimasto certamente deluso. Infatti, nonostante le dichiarazioni della vigilia del tecnico Massimiliano Allegri che aveva assicurato che la sua squadra non sarebbe stata in grado di condurre una gara di attesa, i padroni di casa si sono chiusi a protezione della porta difesa da Abbiati, cercando di stuzzicare il Barcellona con le ripartenze. La prova strepitosa del pacchetto arretrato milanista, con Bonera e Antonini sugli scudi, ha così consentito di non subire reti ma le azioni pericolose portate verso la porta di Victor Valdes sono state veramente poche tanto che solo nella prima parte della gara Robinho e Ibrahimovic hanno avuto l’occasione buona per portare avanti i rossoneri. Anche il fatto di aver impostato una marcatura ad hoc su Messi, che veniva curato da Ambrosini e dai centrali difensivi, ha impoverito la fase di impostazione del centrocampo che ha quindi faticato non poco a servire adeguatamente le punte. Gli attaccanti di Allegri sono così risultati poco incisivi e hanno finito per muoversi spesso a vuoto nella metà campo avversaria.

LE PROSPETTIVE PER IL RITORNO – L’esito della sfida contro Messi e compagni è quindi rimandato al ritorno, in programma il prossimo 3 Aprile in terra di Spagna. Come detto agli uomini di Allegri sarà sufficiente non perdere per passare il turno mentre con un altro risultato senza reti il confronto vedrà l’appendice dei supplementari ed eventualmente dei calci di rigore. Il successo nella doppia sfida è certamente possibile per il Milan ma sarà importantissimo riuscire a segnare una rete, per mettere pressione agli avversari e poter quindi agire di rimessa. Sarà quindi fondamentale il rendimento del reparto arretrato dove, oltre all’assenza sicura di Thiago Silva, preoccupa anche l’infortunio di Nesta che andrà valutato nelle prossime ore mentre in avanti sarà importante il contributo di Ibrahimovic che anche ieri sera ha confermato di non essere all’altezza nelle sfide importanti risultando abulico e spesso fuori dal gioco. Nella zona nevralgica del campo probabilmente Massimiliano Allegri opterà per un centrocampo muscolare, portato più a distruggere che a costruire e quindi si prevede una gara di costante pressione del Barcellona con il Milan a difesa del risultato e pronto a ripartire servendo in profondità i suoi attaccanti.

La sfida tra le due potenze del calcio europeo si annuncia quindi ancora incerta ed entusiasmante. Gli appassionati che seguiranno l’incontro dal vivo e in televisione si augurano quindi di assistere ad uno spettacolo degno di un quarto di finale di Champions League disputato da due grandi squadre come i rossoneri di Massimiliano Allegri e i blaugrana di Pep Guardiola.

a cura di Mauro Rossi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *