Ruggiero Daluiso

La vecchia guardia regge, il Milan fa 0-0 col Barça. Vince il Bayern

La vecchia guardia regge, il Milan fa 0-0 col Barça. Vince il Bayern
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Nesta e Ambrosini reggono l'urto dei blaugrana. I senatori del Milan protagonisti nel pareggio di questa sera, ma quante occasioni...

Zlatan Ibrahimovic e Sergio Busquets

MILANO, 28 MARZO – In un San Siro tutto esaurito termina 0-0 l’attesissima andata dei quarti di finale tra il Milan e il Barcellona dei marziani. Grande protagonista di questo big match è la vecchia guardia rossonera: Ambrosini e Nesta tengono in piedi il Milan e respingono gli attacchi catalani, con Bonera e Antonini in versione superman sulle due fasce.

LA PARTITA – 75.000 persone a San Siro bastano per sottolineare l’importanza della partita di questa sera. Una partita che pende subito dalla parte dei rossoneri: Robinho al secondo minuto si divora letteralmente il primo gol del match, che sarebbe servito moltissimo ai fini del doppio confronto. Poi dominio sul piano del gioco da parte del Barça. Il solito tiki-taka catalano tiene in apprensione il reparto offensivo rossonero, che tira un grosso respiro di sollievo su due sortite offensive da parte di Xavi e Messi, che vanno vicini al gol del vantaggio. Un gol in trasferta per i rossoneri sarebbe fatale in vista della dura trasferta di martedì prossimo al Camp Nou, ma il Milan regge ancora il possesso palla degli uomini di Pep Guardiola. Boateng e Ibrahimovic non sono i soliti giocatori decisivi e faticano ad entrare nel vivo dell’azione rossonera, complice l’atteggiamento difensivista della squadra di Massimiliano Allegri (e da alcune riprese inedite il presidente Berlusconi dalla tribuna d’onore non gradisce questo tipo di gioco quasi rinunciatario). Ma i rossoneri quando vanno in attacco sono pericolosi: basta un passaggio filtrante di Clarence Seedorf per mandare fuori tempo l’intera difesa blaugrana, ma Ibra sbaglia clamorosamente colpendo il pallone in maniera fin troppo leggera. Poco dopo Luca Antonini veste i panni di superman, con uno strepitoso recupero sul velocissimo Sanchez: gol salvato e boato della Curva Sud rossonera. I catalani, nel primo tempo, potrebbero recriminare su un calcio di rigore non concesso per un presunto fallo di Christian Abbiati ai danni di Alexis Sanchez. Si va all’intervallo sullo zero a zero, con molte occasioni avute da una parte e dall’altra e con una partita abbastanza frizzante. Al contrario del primo tempo, la ripresa non offre molto spettacolo ed è il solito possesso palla del Barcellona a fare da padrone su un campo (campo?) a dir poco scivoloso. Fuori un deludente Robinho, dentro il faraone El Shaarawy determinato e deciso a giocare una buona seconda frazione di gioco. Nesta e Ambrosini annullano le sortite offensive dei marziani azulgrana ed Emanuelson sostituisce Kevin Prince Boateng nella metà della ripresa. Ed è proprio il trequartista olandese a sciupare un azione avviata da Zlatan Ibrahimovic: il numero ventotto rossonero sbaglia un facile controllo che l’avrebbe mandato dritto dritto in porta. Un generosissimo Nesta lascia il campo per crampi qualche attimo dopo, entra Mesbah che ha il duro compito di respingere gli attacchi di Dani Alves e Pedro (subentrato a Sanchez). Entra anche il canterano Tello, che però viene quasi sempre fermato da uno strepitoso Daniele Bonera, grande sorpresa per tutti i tifosi rossoneri. Finale al cardiopalma, che al minuto 87 vede Christian Abbiati respingere un tiro piazzato di Leo Messi (questa sera stranamente nella norma) e sugli sviluppi della parata ancora Luca Antonini respinge un secondo tiro del giovane Tello, classe 91. Finisce in parità il match tra Milan e Barcellona: decisiva sarà la gara di ritorno, martedì prossimo al Camp Nou di Barcellona. Giocando con due risultati su tre (il Barça dovrà vincere per passare il turno) i tifosi rossoneri iniziano già ad incrociare le dita per un’insperata qualificazione

MILAN-BARCELLONA 0-0

Milan (4-3-1-2): Abbiati; Bonera, Méxes, Nesta (29′ st Mesbah), Antonini; Nocerino, Ambrosini, Seedorf; Boateng (22′ st Emanuelson); Ibrahimovic, Robinho (7′ st El Shaarawy). A disp.: Amelia, Yepes, Aquilani, Maxi Lopez. All.: Allegri:
Barcellona (4-3-3): Valdes; Dani Alves, Piqué, Mascherano, Puyol; Xavi, Busquets, Keita; Iniesta (20′ st Tello), Messi, Sanchez (32′ st Pedro). A disp.:Pinto, Montoya, Muniesa, Thiago Alcantara, Fabregas. All.: Guardiola

Arbitro: Eriksson (Svezia)

Ammoniti: Seedorf (M), Nesta (M), Keita (B), Ambrosini (M)

 

Esultanza bavarese, semifinale prenotata

MARSIGLIA, 28 MARZO – Nel secondo quarto di serata il Bayern Monaco batte in trasferta il Marsiglia. Al Velodrome i bavaresi ipotecano la qualificazione con un gol per tempo: al 44′ Mario Gomez insacca in rete (con una papera del terzo portiere dei francesi) e al 69′ lo stesso bomber tedesco serve il solito Robben, che risolve definitivamente il match sullo 0-2 in favore della squadra tedesca. I francesi, fin troppo rinunciatari quest’oggi, non riescono a riaprire un match chiuso dopo il primo gol dei bavaresi. Semifinale già scritta tra Real e Bayern, lo spettacolo è garantito.

 

OLYMPIQUE MARSIGLIA-BAYERN MONACO 0-2

Olympique Marsiglia (4-2-3-1): Andrade; Azpilicueta, Fanni, N’Koulou, Morel; Diarra (26′ st Cheyrou), M’Bia; Amalfitano (23′ st Brandao), Valbuena, A. Ayew; Remy. A disp.: Bracigliano, Traoré, Kaboré, Gignac, J. Ayew. All.: Deschamps
Bayern Monaco (4-2-3-1): Neuer; Lahm, J. Boateng, Badstuber, Alaba; Luiz Gustavo, Kroos (18′ st Tymoschuk); Robben, Muller (26′ st Schweinsteiger), Ribery (33′ st Pranjic); Gomez. A disp.: Butt, Rafinha, Contento, Olic. All.: Heynckes.
Arbitro: Velasco Carballo (SPA)
Marcatori: 44′ Gomez, 24′ st Robben
Ammoniti: Diarra, M’Bia (OM); Lahm, Kroos, Luiz Gustavo, Schweinsteiger (B)
Espulsi:

a cura di Ruggiero Daluiso

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *