Redazione

Trofeo Gamper, la Sampdoria vince al Camp Nou

Trofeo Gamper, la Sampdoria vince al Camp Nou
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Soriano esulta dopo aver siglato il goal del vantaggio

BARCELLONA, 21 AGOSTO 2012 – Era Wembley, era il 1992, era la finale di Coppa dei Campioni. Solo una punizione di Koeman nei supplementari riuscì a piegare la grande Sampdoria di Vialli e Mancini. Finì 1-0 per il Barça, che vinse la sua prima coppa dalle grandi orecchie. Ieri, dopo vent’anni, di nuovo contro, nel 47° Trofeo Gamper: c’era aria di festa a Barcellona, ben oltre 50mila spettatori sulle tribune del Camp Nou, non male per un trofeo estivo (considerando che il Barça ha giocato domenica in campionato). Ma a rovinarla ci ha pensato Roberto Soriano che, con un suo goal al primo minuto del primo tempo, ha regalato una inaspettata vittoria alla Sampdoria di Ciro Ferrara.

LA PARTITA – Il Barcellona è sceso in campo con tantissimi canterani, tra i nomi noti c’erano solo Pinto, Villa, Afellay, mentre la Sampdoria rispondeva con la formazione tipo. Pronti via ed è subito vantaggio blucerchiato: Obiang, schierato al posto di Poli, infila un cross dalla sinistra, Soriano sfugge alla marcatura di Fontas e insacca. Alla mezz’ora la Samp ha l’occasione del raddoppio: Maxi Lopez serve Estigarribia con un attimo di ritardo, l’uruguayano conclude a rete ma il guardalinee aveva già sbandierato. Fuorigioco. Dopo poco è ancora Samp con Tissone che serve Maxi Lopez, ma la conclusione è respinta da Pinto. Nel finale del primo tempo è Afellay ad impensierire Romero, il tiro però termina alto. Ancora Barça con Deulofeu ma un attento Romero evita il pareggio. Nella ripresa valzer di cambi, entrano Castellini e Renan per Costa ed Obiang. Nel Barcellona fuori Fontas e dentro Sergi Gomes. Parte forte il Barça che non ci sta a perdere: Afellay prova una conclusione respinta dalla difesa. Al 60′ Pozzi entra al posto di Maxi Lopez, Mustafi al posto di Gastaldello e Krsticic al posto di Juan Antonio. E’ proprio Pozzi al 65′ a sfiorare il raddoppio: Tissone lancia in profondità l’attaccante che sfugge ai difensori, si presenta a tu per tu con Pinto, lo spiazza ma colpisce il palo. A metà secondo tempo Villa chiede un rigore per fallo di Mustafi ma l’arbitro non lo concede. Il ritmo cala, l’unica vera emozione è al minuto 89 quando la Samp va nuovamente vicina al raddoppio ancora con Pozzi, ma trova l’opposizione del muro blaugrana. Finisce 0-1, vince la Sampdoria in maniera inaspettata. Gastaldello alza il trofeo al cielo e il Camp Nou tributa un giusto applauso agli uomini di Ferrara.

Leo Mastromauro

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *