Redazione

Chelsea, buona la prima: due gol per battere il Wigan

Chelsea, buona la prima: due gol per battere il Wigan
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Ottima partenza dei Blues che vincono con due gol nei primi cinque minuti

WIGAN, 19 AGOSTO – In attesa del City e dello United, che affronteranno la loro prima giornata di Premier rispettivamente nel tardo pomeriggio e domani sera, il Chelsea di Di Matteo ha una buona chance per approfittare del pessimo esordio di Arsenal, Liverpool e Tottenham, dirette avversarie nella corsa ai primi posti. Per i Blues, reduci dalla sconfitta di Supercoppa contro il City, il Wigan rappresenta un esame importante, da affrontare con quella convinzione che è mancata nella scorsa Premier, ricca di delusioni per tecnici e tifosi.

PRIMO TEMPO – L’incontro pare fin da subito una passeggiata per il Chelsea, che sembra aver recepito al meglio il messaggio. Dopo 2′ infatti i Blues sono già in vantaggio: Hazard si gira benissimo a centrocampo, evidenziando un gravissimo errore di piazzamento della difesa del Wigan. Il filtrante del centrocampista belga è perfetto per l’accorrente Ivanovich, che da solo davanti al portiere non sbaglia un facile 0-1. Un avvio in salita per i padroni di casa, che devono subire un rapido raddoppio appena 3′ dopo. Hazard è incontenibile e con una serie di giocate si incunea in area dalla destra: intervento scomposto di Ramis, e per l’arbitro Jones è rigore. Il neo-acquisto del Chelsea conferma così una sua felice tradizione: nella scorsa stagione è stato il giocatore che è riuscito a conquistare più calci di rigore per la sua squadra, ben 7. Dal dischetto si presenta Lampard, che insacca con freddezza. Il doppio vantaggio consente al Chelsea di rallentare, e il Wigan prova ad approfittarne. Al 9′ la prima conclusione verso lo specchio di Maloney si conclude però con un nulla di fatto, così come al 18′ il colpo di testa di Di Santo su buon cross di Alcaraz sfiora l’incrocio. Al 38′ è ancora il Wigan a cercare di accorciare le distanze, con un buon destro di Moses che Cech devia in angolo. Gli uomini di Di Matteo non si vedono più dalle parti dell’area avversaria, e il primo tempo termina con una punizione di Maloney bloccata con facilità dal portiere ceco.

SECONDO TEMPO –  Dopo l’intervallo è ancora il Wigan a controllare il gioco, mentre il Chelsea si limita a controllare il risultato. Al 49′ però Maloney è costretto ad abbandonare il terreno di gioco per un problema fisico e gli equilibri si alterano. 3′ dopo Ashley Cole spara altissimo da ottima posizione, mentre al 63′ Ramis salva sulla linea una conclusione di Torres lanciato a rete da Bertrand. Il Chelsea è più tranquillo e al 64′ Di Matteo sostituisce Hazard con Oscar. Il neo-entrato non fa rimpiangere il compagno perchè al 68′ salta Ramis in velocità e lascia partire un buon destro che si spegne di poco sul fondo. I padroni di casa non rinunciano comunque a tentare una rimonta: al 70′ Gomez, entrato al posto di Maloney, spreca una buona occasione colpendo malissimo di testa a un metro da Cech. All’85’ il Wigan potrebbe finalmente trovare un gol che non sarebbe immeritato: tocco ravvicinato di Kone che finisce su Cech, ma sulla respinta il bellissimo gesto tecnico di Gomez si spegne lontano dalla porta. I Blues addormentano la partita e gli ultimi cinque minuti sono una formalità. Per ora tutto secondo programma: se chi ben comincia è a metà dell’opera, il Chelsea può iniziare a sorridere.

UOMO PARTITA SPORTCAFE’ : Eden HAZARD: 7,5 – Un assist al bacio per Ivanovich e un rigore conquistato: l’impressione è che Hazard sia veramente l’uomo in più di questo Chelsea. Esce al 64′ ma trova comunque tutto il tempo per decidere la partita.

 

IL TABELLINO

WIGAN – CHELSEA 0 – 2

Wigan (3-4-3) – Al-Habsi, Caldwell,  Boyce, Ramis, Alcaraz, Figueroa, Maloney (49′ Gomez), McCarthy, McArthur, Di Santo (67′ Kone), Moses.

Chelsea (4-2-3-1) – Cech, Ivanovich, David Luiz, Terry, Cole, Mikel, Lampard, Bertrand, Hazard (64′ Oscar), Mata (82′ Meireles), Torres.

Arbitro: M. Jones.

Marcatori: 2′ Ivanovich, 5′ Lampard (rig.).

Ammoniti: 11′ Caldwell, 35′ David Luiz, 57′ McArthur.

 

Matteo Brutti

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *