Connect with us

Pubblicato

|

Non c’è pace per il mondo del calcio. La situazione sanitaria sta mettendo a serio rischio il proseguo della stagione. Rischio che aumenta in vista della sosta per le nazionali. Dopo il monito dell’a.d. dell’Inter, Beppe Marotta, riguardo l’opportunità di limitare gli impegni delle nazionali per far uscire il meno possibile i calciatori dalla bolla dei ritiri, è arrivato il veto delle ASL di competenza a far partire i giocatori di Lazio, Roma e Fiorentina. I calciatori delle suddette formazioni non possono lasciare l’isolamento fiduciario dopo la positività al Covid-19 di alcuni componenti della squadra.

Le Asl bloccano i Nazionali, il rammarico del presidente Gravina: “Non una bella figura”

A margine del Consiglio Federale, è intervenuto con decisione il presidente della FIGC, Gabriele Gravina: “Sono preoccupato per il mancato coordinamento di alcune ASL, perché la mancata disponibilità di calciatori a livello internazionale comporta delle sanzioni“. Infatti dei 41 giocatori convocati dal ct Roberto Mancini, anch’esso risultato positivo qualche giorno fa, sono solo 8 i giocatori che risponderanno alla convocazione nei tempi e modalità concordate con le autorità sanitarie competenti.

A riguardo il presidente Gravina ha concluso: “Ci siamo mossi con i ministri competenti. L’Italia da questo punto di vista non sta facendo una bella figura internazionale. Lo dico con amarezza e rammarico. Siamo l’unica federazione in Europa che ha problemi di questo tipo“. E c’è da scommettere che non sia ancora finita.

Ricorso Juventus-Napoli, slitta la decisione: le Asl possono favorire De Laurentiis

Intanto nella giornata di ieri si è tenuto il dibattimento della causa in merito al ricorso effettuato dal Napoli per la sconfitta a tavolino subita contro la Juventus e il punto di penalizzazione avuto in classifica. Nella sede della Filmauro, con Aurelio De Laurentiis, erano collegati pure il legale del club, Mattia Grassani, e l’a.d. Andrea Chiavelli. La particolarità della questione ed i vari intrecci che l’hanno determinata, richiederanno un tempo maggiore per il verdetto, atteso nelle prossime ore. La Juventus, comunque, non si è costituita in giudizio.

Il Napoli ha ribadito la propria posizione, presentando la documentazione che racchiude la comunicazione tra il club e la Asl Napoli 1, intervenuta per bloccare la squadra in partenza per Torino, dove avrebbe dovuto affrontare la Juventus. Il Napoli attenderà il giudizio nell’incertezza totale. La speranza dei dirigenti napoletani si poggia pure sulla confusione che si sta generando tra le varie Asl che – bloccando il via libera dei calciatori verso le rispettive nazionali – sicuramente potrebbe favorire una sentenza favorevole ai partenopei.

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SPORTCAFE24.COM

Facebook

BETCAFE24