Redazione

Calciomercato Juventus, un tesoretto per due

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Marotta con Agnelli, dialogo

TORINO, 5 AGOSTO − Dopo le ultime prove in vista della Supercoppa, la squadra vola in direzione Pechino. Intanto, fra Procura e occasioni di mercato la società vive un periodo d’incertezza tanto da mettere in dubbio l’eventuale acquisto di un top-player in attacco.

UN GIORNO IN PROCURA – Ieri giornata frenetica in Procura Federale per Marotta, il dg bianconero ha accompagnato Pepe e Bonucci in aula. A Roma, la società ha deciso di schierarsi con i suoi tesserati nel tentativo di arrivare ad un patteggiamento, peraltro fallito: Palazzi ha infatti fatto saltare la “trattativa” perché risultata « troppo complessa ». Tutto rinviato alle sentenze della Disciplinare ( previste fra l’8 e il 9 di Agosto ) e all’appello successivo davanti alla Corte di Giustizia ( 20 di Agosto ). Intanto si comincerà da domani, alle 17, a preparare la sfida contro il Napoli; Marotta raggiungerà la squadra poco prima dell’11 nel tentativo di chiudere in fretta qualche affare lasciato in sospeso.

L’IMPASSE DI MERCATO – Le incertezze sul futuro del difensore e centrocampista bloccano di fatto le strategie di mercato in casa bianconera: la pratica top-player si riaprirà soltanto dalla seconda metà di questo mese, senza poter escludere la possibilità che si viri verso un big per il reparto difensivo. Andiamo con ordine, la conferma di Masi e l’acquisto di Lucio non danno le garanzie necessarie per affrontare una stagione che vedrà la Juventus impegnata su più fronti per cercare di portare a casa nuove vittorie. Con i nazionali ancora non al meglio è stato arretrato il giovane Marrone in un ruolo che ricorda quello di De Rossi agli Europei. Anche lo svizzero Lichtsteiner si trova nell’inedita posizione di laterale-accentrato in un reparto a tre che ha perso anche Caceres nella funesta notte di Bari. A questo punto, bisogna fare delle considerazioni: Bocchetti e Bruno Alves costano, così come Astori, a sinistra difficilmente Armero arriverà in prestito gratuito e per Peluso, la concorrenza del Palermo sta facendo lievitare il prezzo del laterale atalantino.

ADDIO TOP-PLAYER? – E’ così che il tesoretto incassato dalle cessioni ( quella di Melo è in fase di stallo, ma dovrebbe presto sbloccarsi ) ha il sapore amaro della beffa e, anziché dotare l’armata Conte di un bomber con i fiocchi, rischia di essere reinvestito in altri ruoli nevralgici. Fermi al 5 di Agosto, né Van Persie, né Jovetic sembrano doversi muovere in direzione Torino. Gli altri big costano e nessuna delle concorrenti ( vedi le operazioni Matri-Milan e Quagliarella-Inter ) ha l’intenzione di versare denaro contante nelle casse del club bianconero: Galliani e Branca hanno deciso di temporeggiare consci che un’operazione in entrata da parte di Marotta metterebbe in bilico la situazione degli attaccanti a disposizione di Conte. Con Vucinic irremovibile e Giovinco appena rientrato alla base, le valigie son pronte a farle in pochi. Marotta dunque aspetta i saldi di fine stagione, Osvaldo potrebbe scalare posizioni, correndo però il rischio di rimanere al palo con un capo non proprio di primissima qualità.

a cura di Francesco Tarricone

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *