Connect with us

BetCafe24

Adama Traoré, dall’esordio con la Spagna ai rumours sul futuro

Pubblicato

|

adama traoré

Ormai s’è costruito una reputazione solida e inscalfibile come showman del calcio, ma Adama Traoré non è solo i muscoli che lo contraddistinguono. Il calciatore bodybuilder ieri ha raggiunto uno storico traguardo nella sua carriera: l’esordio con la Spagna, che nell’ultima parentesi delle nazionali gli fu negata dal Coronavirus. Oggi c’è riuscito, sfidando il Portogallo di Cristiano Ronaldo. Lui, blaugrana nel sangue, contro l’ex madridista per eccellenza. È subentrato ad un altro ex Real, Sergio Canales, al 62′.

E chissà che a Barcellona non si stiano mangiando le mani per aver perso un calciatore così completo. Così moderno, ecco. Va detto che in blaugrana nessuno avrebbe immaginato una crescita fisica così esponenziale. L’esplosività, il dribbling, l’agilità e la velocità l’hanno sempre caratterizzato, ma aver lavorato sul suo fisico è stato il merito più grande. Adama s’è completato, trasformandosi in un centrocampista/ala imprendibile e incontrastabile. E per sprintare indisturbato, Traoré ha inventato un trucco: cospargersi di olio per bambini per sfuggire agli strattoni. Il Wolverhampton se lo tiene stretto, protagonista di un exploit notevole, ma strizza l’occhio anche al mercato. Inevitabile pensare che da qui a fine anno arrivino offerte importanti per un calciatore sì esploso tardi, ma ancora giovane.

ADAMA TRAORÉ, IL CALCIATORE BODYBUILDER GUARDA GIÀ AL FUTURO

A 24 anni Adama Traoré non è più il ragazzino sprovveduto della Masia, ma può farci ritorno come un calciatore fatto e finito. Il Barcellona (25%) lo segue da tempo, lui ci andrebbe ma la priorità è completare la stagione in Premier. Anche perché ha un contratto fino al 2023 con il club legato a Mendes. Ma l’opzione blaugrana è pur sempre un ritorno alle origini. Occhio, però, a un tradimento non così facile da digerire: una chiamata del Real Madrid (20%) Adama la accetterebbe volentieri. Lo confessò proprio lui: “Se mi chiamassero, non avrei problemi ad andare” (PER APPROFONDIRE L’INTERVISTA).

Professionismo, in fondo, ma la sensazione è che il blu e il rosso siano sempre un gradino avanti nelle preferenze. In Premier però s’è fatto notare ed è pur sempre il campionato numero uno al mondo. Lo seguono con insistenza il Manchester City (25%) e il Liverpool (10%). L’opzione Italia è viva ed è presente: la Juventus (20%) l’ha cercato nell’ultimo mese di mercato. Quel Cristiano Ronaldo di cui sopra potrebbe di fatto diventare un suo compagno di squadra. Valutazione? Servivano 40 milioni di euro appena tre settimane fa, dal 2021 – spera il Wolverhampton – molti di più.

SPORTCAFE24.COM

Facebook

BETCAFE24