Matteo De Angelis

Juventus, c’è Cannavaro per la panchina

Juventus, c’è Cannavaro per la panchina
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Se Conte viene squalificato è pronto l'ex campione del mondo

TORINO, 4 AGOSTO 2012 – Il tecnico della Juventus Antonio Conte è nei guai: il procuratore federale Stefano Palazzi ha infatti chiesto per l’allenatore dei bianconeri 15 mesi di squalifica per omessa denuncia. La Juve rischia di rimanere senza il tecnico campione d’Italia. Al suo posto potrebbe arrivare Fabio Cannavaro, attuale difensore  del Bengal Tuskers.

COSA RISCHIA CONTE – Un anno per le due omesse denunce più tre mesi di aggravante. Ecco la pena chiesta da Stefano Palazzi per Antonio Conte, in merito ai fatti risalenti a due stagioni fa quando il tecnico era alla guida del Siena. Le gare denunciate per presunte combine sono Novara-Siena e Albinoleffe-Siena. Immediata è arrivata la replica del presidente della Juventus, Andrea Agnelli:“Constato che la Figc e la sua giustizia sportiva continuano a operare fuori da ogni logica di diritto e di correttezza sostanziale. Anche avendo scelto, contro ogni istinto di giustizia e con una logica di puro compromesso, la strada del patteggiamento per poter limitare i danni di una giustizia sportiva vetusta e contraddittoria, ci si scontra con un sistema dittatoriale che priva le Società e i suoi tesserati di qualsivoglia diritto alla difesa e all’onorabilità”. La sentenza per Antonio Conte arriverà l’8 o il 9 agosto.

A VOLTE RITORNANO – La Juventus non vuole farsi trovare impreparata qualora dovesse essere confermata la richiesta di Palazzi, o comunque Antonio Conte dovesse incorrere in una squalifica sostanziosa. Per questo motivo nelle ultime ore si è fatto il nome di Fabio Cannavaro. In realtà è stato lo stesso difensore a candidarsi per la panchina bianconera. Il giocatore, attualmente a Dubai, ha fatto il punto sulla situazione che stanno attraversando i suoi ex compagni Bonucci e Pepe: “Sto vivendo questo momento da lontano e mi dispiace soprattutto per i ragazzi. Li conosco, so quanto hanno giocato. Sono cose che fanno sempre male umanamente, non so se siano colpevoli o meno ma a livello umano mi dispiace”. Poi, alla fatidica domanda su un suo eventuale arrivo sulla panchina bianconera, Cannavaro è stato chiaro: “Sono quelle sfide, quelle squadre, alle quali è difficile dire di no. Adesso però hanno un allenatore bravo, hanno vinto, speriamo che ora risolva questa cosa”.

NON SOLO CANNAVARO – Di certo il ritorno di Cannavaro a Torino, questa volta come tecnico, sarebbe un’ipotesi molto suggestiva. Ma non è l’unica alternativa della dirigenza all’eventuale squalifica di Antonio Conte. Cannavaro infatti non ha mai allenato e il suo arrivo potrebbe rivelarsi un successo solo dal punto di vista mediatico ma non dal punto di vista dei risultati raggiunti. Si fanno strada dunque anche altre ipotesi. La prima porta il nome di Marco Baroni, allenatore della Primavera. La Juventus infatti potrebbe decidere di continuare con Conte (che anche in caso di squalifica potrebbe allenare durante la settimana) e chiamare Baroni come “tecnico ufficiale” da portare in panchina la domenica durante le gare. Intanto però a Pechino Baroni non ci sarà e, al posto di Conte, potrebbero sedere in panchina Massimo Carrera, promosso da collaboratore di campo ad allenatore in seconda, e Claudio Filippi, il preparatore dei portieri. La situazione è ancora incerta. Bisognerà aspettare le sentenze della prossima settimana per avere un quadro più preciso della situazione.

a cura di Matteo De Angelis

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *