Connect with us

La Opinión

Polemiche Conte, realtá o delirio: è sfavorito o ha finito le scuse?

Pubblicato

|

Polemiche Conte – Ancora crisi per l’Inter: due vittorie in cinque parti, poi una sconfitta e due pareggi. L’ultimo, proprio ieri sera contro la Roma. Subito dopo il match, ancora una volta protagonista è stato il tecnico nerazzurro Antonio Conte . Stavolta, una nuova polemica. Il suo mirino è stato puntato sulla compilazione del calendario relativo alle giornate di campionato e sulle avversarie che, stando alla sua analisi, spesso più frequenti per riposare e recuperare: «Nei momenti di difficoltà – è è sfuggire -, se si usa uno schiaffo lo tirano all’Inter. È così, è stato così in passato ed è così anche ora ».

Il ritorno in campo dopo i mesi di stop è stato messo in mostra non solo la fatica e la difficoltà della squadra, ma anche il nervo è stato scoperto dal tecnico salentino. Nelle ultime giornate, infatti, è lasciato andare a una polemiche, lamentele e dichiarazioni stizzite anche nei confronti della società, della dirigenza e della gestione del mercato. Il tecnico guarda già al prossimo mercato e chiede altri rinforzi. In effetti nelle dichiarazioni a fine partita ha detto: «Altrimenti è giusto prendere altre decisioni». Un messaggio diretto quello dell’allenatore dell’Inter. Una tattica già vista alla Juve con la famosa frase dei 10 euro (“Non puoi sederti e un ristorante da cento euro e pagare con dieci”) e già sentita dal club nerazzurro a inizio stagione. Una bella dose di insofferenza, dunque, che, secondo alcuni,

POLEMICHE CONTE: COMPLOTTO CONTRO L’INTER O ALIBI?

La conditio sine qua non per la quale Antonio ha deciso di imbarcarsi nell’avventura nerazzurra prevedeva una possibilità, seppur minima, di provare a spodestare la regina bianconera dal trono. Ora che anche la Juventus, però, si ritrova ad affrontare i problemi interni relativi alla gestione tecnica e al rapporto squadra-allenatore, l’Inter non sembra approfittare della situazione, e continua a osservare i punti di distanza in classifica che la allontanano sempre di più dall’idea di realizzare il sogno scudetto.

Polemiche Conte – Il problema sembra essere un altro: quanta coerenza dimostrano le sue lamentele? Sulla polemica relativa al calendario i dati gli danno ragione, ma il discorso sembra essere comunque piuttosto sterile. Se è vero che qualche attenuante per l’Interno (gli infortuni e la non eccessiva profondità della rosa), è anche giusto che il discorso andasse avanzato quando il calendario è stato stilato, e non quasi alla fine di un campionato recentemente compromesso , e nel quale tutte le squadre, non solo la sua, soffrono ancora il peso del blocco

Inoltre, perché tirare in ballo la Juventus? La sua frecciatina non è passata inosservata. Ma attenzione, c’era chi si lamentava quando l’allenatore dei bianconeri era lui, da Mourinho a Mancini. E i presunti favoritismi erano fatti sempre alla Juve. Ma a Conte, allora dall’altra parte della barricata, stava bene così. Lamentele, le sue, forse fatte semplicemente per distogliere l’attenzione da una prestazione non brillante contro i giallorossi. Cosa lo spinge ad alzare i toni dopo prestazioni negative e ad esultare quando la sorte è favorevole?

Sarebbe stato più onesto ammettere la verità: anche lui è riuscito nell’impresa. Sarebbe più onesto un sincero mio culpa : situazioni varie e circostanze avverse a parte, tuttavia lui è lo stato di competenza della Juventus, neanche in un momento di crisi, nemmeno con il suo essere associato e vincente. Questo campionato gli ha dato una lezione: non sempre chi non è abituato a perdere non perde; a volte, senza il bisogno di costruire alibi, basterebbe solo provare a mettersi in discussione.

Alessandra Santoro

SPORTS AGENCY SC24

Facebook

BETCAFE24

Trending