Connect with us

Milan

Ibrahimovic o Schick? Tutti i dubbi di Rangnick

Pubblicato

|

Ibrahimovic-Milan: sarà divorzio?

Ibrahimovic o Schick? Letta così verrebbe da sorridere, ma il Milan di Rangnick si sta veramente interrogando se tenere lo svedese o puntare sul ceco che il tedesco conosce bene. Quello in avanti non è il solo dubbio che tormenta il Milan. Ci sono altri ballottaggi che tormentano il pianeta rossonero. Vediamoli Insieme.

Ibrahimovic parte e arriva Schick: 80%

L’ingaggio di Ibrahimovic è stato un autentico toccasana per il depresso Milan invernale. Lo svedese ha portato quella personalità e quella cattiveria che mancava ai rossoneri. Non è un caso se, dopo il suo arrivo, molti rossoneri sono rinati. Basti pensare a Rebic, Leao o Calhanoglou. Nonostante ciò, Ibrahimovic non sembra compatibile con Rangnick. Si tratta di due  personalità troppo forti per andare d’accordo. Per questo, anche se  molti all’interno dello spogliatoio vogliono la permanenza di Ibra, il nuovo Direttore Tecnico tedesco non sembra sentirci. Per lui, Schick è il profilo ideale perché è giovane, lo conosce e, soprattutto, è incline a seguire i suoi dettami tattici.

Kessiè parte e arriva Tonali: 40%

Le ultime prestazioni hanno riportato in auge Franck Kessiè. L’ivoriano sembrava in lista di partenza, a causa del suo carattere difficile e di un’indolenza mal sopportata. Anche lui, però, sembra rifiorito e le prestazione contro Juventus e Napoli ne sono la conferma. Inizialmente, Rangnick sembrava aver messo in lista cedibile l’ex Milan anche in considerazione del fatto che era uno di quei giocatori con un buon mercato. Sembra, però, che le cose stiano cambiando. Rangnick ha sempre nel mirino Tonali ed è entrato in concorrenza con Inter e Juventus, però, l’intesa che stanno dimostrando Kessiè e Bennacer lo sta facendo dubitare. Il duo Tonali-Bennacer sembra troppo simile per poter assicurare quella sostanza che serve al centrocampo che ha in mente il tedesco. Certo, da un punto di vista progettuale il bresciano rientra nel profilo ideale, ma si può rinunciare così a cuor leggero ai muscoli di Kessiè?

Szboszlai arriva: 50%

Un caso a parte rappresenta Domink Szboszlai. L’unghese rappresenta il profilo ideale del Milan di Rangnick, ma più passa il tempo, più la possibilità che non arrivi aumentano. Il talento del Salisburgo, infatti, ha anche altri estimatori, primo tra tutti il Napoli. I costi non proibitivi del suo acquisto rendono il giocatore un’ottima opportunità. Il Milan si deve muovere quanto prima se non vuole correre il rischio di perdere un talento su cui sembrava aver già messo sopra le mani.

Davide Luciani

SPORTS AGENCY SC24

Facebook

BETCAFE24

Trending