Connect with us

Buzz

Chiellini contro Skriniar: chi è il più forte?

Pubblicato

|

Chiellini-Skriniar: chi è più forte?

Giorgio Chiellini e Milan Skriniar si sono sfidati in numerose occasioni negli ultimi anni. I due difensori fanno parte di una categoria che va sempre più estinguendosi, quella dei difensori “mastini”. Parliamo di quei giocatori da battaglia che si attaccano all’avversario e non lo mollano. Gente che si esalta se la squadra è in inferiorità numerica perché significa che c’è più lavoro per loro. Calciatori che rientrano in campo con il turbante dopo uno scontro di gioco perché per loro è inconcepibile abbandonare il campo.

Abbiamo provato a mettere di fronte Chiellini e Skriniar per capire chi sia il migliore tra i due. Ecco la nostra analisi.

Chiellini-Skriniar: forza e determinazione

Chiellini e Skriniar sono divisi da undici anni di differenza, una generazione calcistica insomma. Fanno però parte della stessa pasta. Quella dei difensori che si attaccano alla caviglia degli avversari e non la mollano.

Tre sono le differenze più marcate tra i due. La prima è di origine tattica. Chiellini non nasce difensore centrale, ma lo diventa con il passare del tempo. Questo significa che, al contrario dello slovacco, molti movimenti non gli sono stati naturali da subito, ma ha dovuto apprenderli con allenamenti mirati e a forza anche di errori gravi all’inizio. La seconda differenza è la duttilità. Giorgio nella sua carriera ha ricoperto tre ruoli: terzino sinistro, centrale mancino nella difesa a tre e centrale mancino nella difesa a quattro. Ciò lo ha reso uno dei centrali più affidabili nel panorama italiano. Grande merito di Giorgio è quello di essersi reinventato più volte senza mai mollare.

Skriniar, al contrario nasce come centrale nella difesa a quattro. Quest’anno, spostato sul centro-destra nella difesa a tre ha perso sicurezza, iniziando a commettere errori che lo scorso anno non avrebbe fatto.Milan deve ancora assimilare il nuovo sistema di gioco. Diciamo che, a differenza di Giorgio ha meno elasticità tattica e questo nel calcio moderno è una grave pecca. Ciò non vuol dire che sia scarso e che mai potrà giocare a tre sul livello con cui giocava a quattro, ma semplicemente che gli ci vorrà più tempo del previsto.

L’ultima differenza è tecnica. Skriniar ha una discreta tecnica di base e questo gli permette di giocare meglio la palla e di entrare più pulito nei contrasti. Chiellini, per sua stessa ammissione, ha dei ferri da stiro al posto dei piedi. Ciò lo porta ad essere più irruento nei contrasti e ad essere maggiormente soggetto ai cartellini. Diciamo che, pur essendo due difensori da battaglia, l’interista è un giocatore da fioretto, lo juventino da spada.

Il futuro dello slovacco

Al momento, Chiellini è una spanna sopra Skriniar per i motivi che abbiamo elencato. Giorgio, però, si avvia a fine carriera, mentre Milan ha ancora molto tempo davanti a è. L’anno prossimo, con un anno di esperienza in più sulle spalle nella difesa a tre, lo slovacco potrà già annullare quasi del tutto il Gap. Per quel che riguarda il futuro, Skriniar può diventare più forte di Chiellini se gli ruberà la determinazione a non mollare mai. Dal punto di vista tecnico, come detto, non vi è paragone. Giorgio, però, ha una “fame” che Milan non ha ancora acquisito. Quando lo farà, l’interista rischia di diventare molto più forte dello juventino e non solo di lui.

SPORTS AGENCY SC24

Facebook

BETCAFE24

Trending