Connect with us

Football

Il rinnovo di Buffon con la Juve è una cosa giusta?

Pubblicato

|

Il rinnovo di Buffon con la Juve sembra ormai cosa fatta. Stando alle ultime, il portierone classe 1978, è in procinto di allungare di un altro anno l’accordo attualmente in essere con la Vecchia Signora. Oggi ha 42 anni e significherebbe, praticamente, essere in campo a 43 anni.

È la storia di un amore, dopotutto, che va avanti ormai dall’inizio del nuovo millennio. Buffon è buona parte di storia della Juve dell’ultimo ventennio e la Juve molto deve al portiere campione del mondo, recordman e volto della juventinità nel mondo.

Su queste pagine, in tempi non sospetti, avevamo già commentato il ritorno di Buffon in bianconero dopo un anno in quel di Parigi. Una scelta ferocemente attaccata da molti ed anche da noi: ci sembrò, al tempo, una sorta di accanimento terapeutico. Oggi però sovvertiamo i ruoli e la domanda la poniamo ai nostri lettori: il rinnovo di un anno, per Gigi e la Juve, sarebbe la cosa giusta?

Il rinnovo di Buffon: pro e contro

Gigi Buffon chiaramente non si discute. Neanche quando, per il passare del tempo, commette qualche leggerezza a cui un Superman come lui non ci aveva abituati. Giocoforza, è il passare del tempo che incide nettamente sulla qualità delle performance. Ma il carisma e la tecnica sono cose che nessuno regala a nessuno e quando ci sono, ci sono sempre. Per cui, da questo punto di vista, la Juve si assicurerebbe un vice di tutto rispetto, migliore di tanti che, magari, hanno anche quindici anni in meno.

Tuttavia Gigi alla sua carriera non ha nulla più da chiedere: ha superato Maldini, è recordman ovunque, dal club alla Nazionale. Ha vinto tutto, finanche un Mondiale. Certo, gli manca la Champions League che è un po’ la sua ossessione, da quella notte di Manchester del 2003.

Di finali ce ne sono state poi altre, tutte e due perse e sappiamo come sono andate, purtroppo per lui e per la Juventus. Ma ancora, questo lo chiediamo a voi e indirettamente a lui: vincere la Champions da comprimario, e non da grande protagonista qual è stato nell’arco di vent’anni, avrebbe lo stesso senso? Probabilmente no, il sapore sarebbe terribilmente diverso.

E se poi non arrivasse la vittoria? Sono domande a cui uno come Gigi forse non pensa più ma che un suo ammiratore, lecitamente, si chiede. Esiste una ragione più forte del cuore e dell’amore per due colori?

SPORTS AGENCY SC24

Facebook

BETCAFE24

Trending