Connect with us

La Opinión

Serie A in campo, o no?

Pubblicato

|

Cellino contro Lotito

Nemmeno una pandemia globale ha saputo unire fazioni opposte, che si tratti di politica o calcio poco importa: il (triste) risultato è il medesimo. Conferenze stampa di stato strumentalizzate al fine di fare propaganda politica, squadre virtualmente retrocesse che si elevano a moraliste ritirando la squadra da un campionato ormai perduto qualora si tornasse a giocare e ovviamente, club che si ritrovano per la prima volta dopo 20 anni a lottare per lo Scudetto che tornerebbero in campo anche a costo di mettere a repentaglio la salute di tutti i diretti interessati.

Mentre la gente si ammala, muore e per fortuna guarisce, ci si interroga su quale fine farà la Serie A: quando e se si tornerà in campo, in quali modalità e a quale costo (in tutti i sensi). Le posizioni, a seconda di come si guarda la classifica, sono agli antipodi: per un Lotito che trova la sua Lazio quasi in cima alla classifica è ovviamente opportuno portare a termine il campionato e vedere se i biancocelesti riusciranno in quell’impresa che manca da vent’anni esatti.

C’è poi chi, come Cellino, ha il suo Brescia virtualmente condannato alla Serie B e decide di non far scendere in campo le rondinelle, qualora si riaprissero i battenti: “Ribadisco che se si riprenderà a giocare io non schiererò la squadra. Non è una provocazione: mi diano i punti di penalizzazione che vogliono, mi assumo tutte le responsabilità del caso. Sto vedendo troppo egoismo e troppe persone che cercano di approfittare di questa situazione. Lotito vuol tornare a giocare? Raglio d’asino non giunge in Paradiso, si dice: io ascolto solo chi è degno di essere ascoltato. Tra l’altro non so nemmeno se rappresenti la Lazio visto che del club è solo presidente del comitato di gestione“.

Forti le accuse anche verso Gravina, Presidente di Lega, ma la sensazione è che dietro tutto questo moralismo ci siano interessi personali di chi, a livello sportivo, non ha ormai nulla da chiedere al campionato.

Non c’è virus che tenga, non esiste Pandemia al mondo: l’unico vero Credo resta l’Io più assoluto.

Davanti a tutto.

SPORTS AGENCY SC24

Facebook

BETCAFE24

Trending