Connect with us

Non Solo Sport

Higuain avrà anche sbagliato, ma questa fobia ci sta rendendo animali

Pubblicato

|

Impazza la polemica intorno al calciatore della Juventus, Gonzalo Higuain, reo di essere scappato da Torino per recarsi in Argentina. Proprio ora, in piena pandemia, in piena emergenza, il Pipita ha deciso di volare dall’altro lato dell’Oceano per ricongiungersi con la famiglia e la madre, malata. Su di lui si è accanita buona parte della polemica delle ultime ore. Sarà anche perché il nuovo coronavirus ha già mietuto le sue vittime in Serie A, perché tra queste c’è anche il compagno di squadra di Higuain, Rugani.

Il Pipita ha fatto un tampone, dall’esito negativo, e se n’è tornato a casa sua. Avrà sbagliato, forse. In molti hanno contestato proprio la soluzione facile del tampone, negato a centinaia di persone che forse scopriranno il virus dopo averlo tenuto incubato per un po’ di giorni. Però tutta questa storia ci sta facendo solo del male. E qui vi spieghiamo perché.

Coronafobia

Prescindendo dal fatto che le motivazioni di Higuain sono giustificate e di forza maggiore: se la madre sta male, è giusto che il figlio si senta in diritto di starle al fianco. Però va detto che questo atteggiamento, che non è mai contestabile proprio perché sempre giustificabile, è stato assunto anche da altri. Neymar e Thiago Silva, per esempio, tornati in Brasile, hanno giustificato il rientro dicendo di voler stare con la famiglia, perché preoccupati. Vogliamo, piuttosto, focalizzare l’attenzione su altro.

Higuain avrà sbagliato, va bene. Non ci piove, diciamo così. Non vogliamo nemmeno giustificarlo, perché muoversi in un momento in cui il contagio può avvenire ovunque, è un problema per lui che, peraltro, porta addosso altre responsabilità. Ed è un problema per tutti. #IorestoaCasa non è un hashtag, ma una filosofia. E dovrà esserlo a tempo indeterminato, almeno al momento.

Però arrivare a vomitare tutto il vomitabile addosso ad un uomo, prima ancora che ad un calciatore e ad un personaggio pubblico, è troppo. La prevenzione non è mai abbastanza, ci siamo. Ma questo virus, se ci sta facendo riscoprire delle cose che spesso dimentichiamo, ce ne sta mostrando altre. La parte peggiore di noi, la fobia che diventa più forte dell’elemento discriminante. In un momento in cui, tutti, anche Higuain, dovremmo pensare a restare umani.

SPORTS AGENCY SC24

Pubblicità

Facebook

BETCAFE24

Trending