Connect with us

Prima Pagina

Il mago Mihajlovic, la maglia di Callejon e le scenate di Allegri

Pubblicato

|

Ranieri

Voto 1 Milan. Dopo aver visto chiudersi in faccia le porte della Coppa Italia, ecco che si rischia di sbattere anche davanti alla Champions League. La sconfitta con il Torino vuol dire sorpasso di Roma e Atalanta. E a prendersi le responsabilità, anche più di quelle che realmente ha, c’è sempre il solo Gattuso. Riuscirà a riempire l’anima di questa squadra per conquistare l’Europa? VUOTA

Voto 2 Maglia di Callejon. La protesta continua, tra i tifosi del Napoli, così quando lo spagnolo decide, al termine della vittoria con il Frosinone, di regalare la sua maglia, ecco che questa viene ributtata indietro. Forse erano meglio gli anni della Serie B, di Maldonado, Montervino, Gianello, Amodio e Pià. INGRATI

Voto 3 Allegri. Inutile raccontarvi tutto, ormai lo sapete: la scenetta con Adani è materiale per il trash social. Ma aldilà delle ragioni, dei distinguo e dei però, quello che stona è l’Allegri indispettito, per non dire rosicone. Si possono avere opinioni diverse, le critiche vanno accettate. Come mai l’allenatore della Juventus ha alzato subito il pelo? Evidentemente qualcosa brucia davvero. ACETOSO

Voto 4 Fiorentina. Un adesivo, attaccato nella Fiesole, recita: “Le Hogan fanno puzzare i piedi”, con chiaro riferimento al merchandising dei Della Valle. La squadra viola sembra in balia delle intemperie: dopo la Coppa Italia, arriva una nuova sconfitta anche in campionato, senza che Vincenzo Montella abbia la forza di fare qualcosa. SENZA PACE

Voto 5 Colley. Sedici minuti, tanto sono bastato a mister Giampaolo per capire che il difensore non era in giornata. Bullizzato da Caicedo, imbucato da Correa, un passo indietro che lo fa sembrare quello di inizio stagione. INCUBO

Voto 6 Atalanta. Ormai non si può più parlare di sorpresa quando si parla della Dea: una finale di Coppa Italia conquistata, un quarto posto che ora va difeso con i denti. Una stagione che può diventare il premio, meritato, ad un progetto solido e stabile. CONFERMA

Voto 7 Mihajlovic. Con il 3 a 1 nello scontro diretto contro l’Empoli l’impresa è quasi compiuta. Il Bologna è (quasi) salvo. Il merito, senza dubbio, va a quel sergente di ferro di nome Sinisa. MAGO

Voto 8 Mertens. Con il gol contro il Frosinone Mertens non solo blinda ancora di più il secondo posto del Napoli, ma raggiunge Maradona a quota 81 gol nella classifica all time del Napoli, dove ricopre la terza posizione. ARGENTINO

Voto 9 Caicedo. Una doppietta da capogiro per uno dei centravanti più sottovalutati della Serie A. Ottavo centro in 1200 minuti, la Lazio finalmente ha un vice Immobile vero. TRASCURATO

Voto 10 Ranieri. Non gli basta aver risollevato le sorti della Roma, non gli basta averla portata per una giornata e mezzo al quarto posto. Claudio Ranieri deve insegnare a tutti cosa vuol dire essere tifosi e signori al tempo stesso. Ai giornalisti che in diretta televisiva gli chiedono cosa pensa di Antonio Conte, lui risponde senza battere ciglio: “Sarei felicissimo se arrivasse alla Roma”. SIGNORILE.

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SPORTS AGENCY SC24

Pubblicità

Facebook

BETCAFE24

Trending