Connect with us

Chi è il pusher?

Cassano, non cambiare pusher, perché hai finalmente trovato quello giusto

Pubblicato

|

Antonio Cassano Wanda Nara

Antonio Cassano, dal campo alla tv, al campo nuovamente fino…alla tv. Questo il percorso del talento barese, prima desideroso di tornare a giocare a calcio, poi di annunciare il ritiro per poi fare dietrofront, fino al dietrofront…del dietrofront. Eppure, stavolta, tutti in piedi sul divano: soprattutto i tifosi interisti, che hanno avuto nell’ex giocatore  l’emissario del proprio pensiero, condiviso praticamente per intero dalla frangia nerazzurra più accanita contro Icardi e la propria moglie, nonché agente. Il tutto, ovviamente nel salotto di Tiki Taka.

“Wanda ha creato intorno a Icardi terra bruciata con le sue dichiarazioni. Chi ha messo in difficoltà Icardi è stata lei. Parli troppo sui social di Spalletti, di Lautaro…Wanda ha creato tutto questo disastro, questa è la mia opinione. Gli hanno tolto la fascia, un motivo ci sarà. Spalletti, Marotta, Ausilio, Zhang non sono matti. Prima aveva male, poi quando gli hanno tolto la fascia il male gli è ritornato. Le sceneggiate le facevo a 20 anni, se Icardi vuole giocare, giochi. Ora è una situazione di non ritorno. A giugno in un modo o nell’altro deve andare via. Io a 20 anni ero vice capitano a Roma, Spalletti mi ha detto che non l’avrei più fatto perché non ero un esempio: aveva ragione. Poi mi ha spiegato cose che lui voleva, ha fatto bene. Se ha fatto così con Icardi, c’è un motivo. Se non torna a giocare, a giugno deve andare via”.

Boom! Applausi. Tranne che da lei, ovviamente, la quale non credeva ai suoi occhi e orecchie, nell’avere chi in faccia le sbatteva il pensiero comune di quella gente che il marito dice di amare, ovviamente sui social. Tutto questo, mentre continua a darsi per malato, nonostante le perplessità di staff medico e allenatore. Cassano stavolta dice giusto, perché oggettivamente tutto questo parlare non ha fatto che creare ed aumentare il malumore di spogliatoio e ambiente tutto nei confronti dell’argentino, il quale è tutt’altro che vittima di questa tragicomica situazione, come qualcuno vorrebbe far passare.

Non giocherà in Europa League, non ci sarà nel derby e potrebbe aver giocato davvero a Parma la sua ultima partita con la maglia nerazzurra. Passi indietro non sembra volerne fare, fra un like a Cancelo e la moglie che da oggi segue il Real Madrid: dispettucci da scuole medie, che con l’arrivo di Marotta non sono più ben accette. L’Inter non è più quell’isola felice di mercenari consapevoli di poter “alzare un dito per cacciare qualcuno”, come disse Wanda tempo addietro.

Cassano, non cambiare pusher, perché hai finalmente trovato quello giusto!

SPORTS AGENCY SC24

Pubblicità

Facebook

BETCAFE24

Trending