Connect with us
Daniele Rugani,in rampa di lancio verso la nazionale maggiore Daniele Rugani,in rampa di lancio verso la nazionale maggiore

Storie di sport

Daniele Rugani ha ancora bisogno di crescere?

Pubblicato

|

Ci sono più o meno mille persone in quel paesino in provincia di Lucca: a Sesto di Moriano, dove Daniele Rugani è nato, cresciuto e ha vissuto, si conoscono tutti. Soprattutto, tutti conoscono lui. Grande, forte e bello. Così come voleva Ubaldo Rugani, che di mestiere fa il rappresentante di prodotti per la pesca e che ha sposato in giovane età Lia, che poi sarebbe diventata maestra. Nel 1994, precisamente il 29 luglio, nasce Daniele Rugani: è uno dei migliori giovani del calcio italiano. Un prospetto di come ce ne sono davvero pochi.

E di come non ce ne sono stati. Rugani, intanto, cresce bene e cresce forte, fortissimo. Il ragazzo poi ha la testa sulle spalle, e la sua trafila nell’Empoli è un percorso netto che non lascia spazio a interpretazioni diverse dalla realtà: con Federico Barba forma una coppia difensiva d’altissimo livello, che permette ai toscani di affermarsi nei campionati giovanili. Ama il tennis, proprio come papà Ubaldo, che è gran fan di Federer ma è il colpo di Nadal ad avergli davvero rubato il cuore. Poi la bici, la pesca sempre con suo padre, andare a scuola gli va pure di tanto in tanto. Ma tutto questo fare si spegna istantaneamente quando si rende conto del talento che ha in dote: la sua strada è quella del calcio.

Inizia a sei anni, e parte proprio dalla sua Toscana. In azzurro si dimostra sempre, comunque il migliore. E la Juve s’interessa sin da subito. Sarà comunque con Maurizio Sarri che Rugani spiccherà il volo: grazie all’attuale tecnico del Chelsea, Daniele diventa presto un elemento fondamentale della retroguardia empolese. Prima l’esordio in Serie B, poi una titolarità che non va più via. E che si compone di 42 presenze, 2 gol e una promozione pazzesca in Serie A. Nell’anno successivo, Daniele è alle prime armi con il mondo dei grandi: ma non sfigura. Anzi, arriva la chiamata della nazionale dall’alto di una stagione che farà la storia: 38 presenze su 38, non viene mai sostituito e soprattutto non becca gialli o cartellini rossi. La Signora è pronta ad accoglierlo, e lui si lascia ammaliare.

Marotta l’aveva adocchiato sin da subito, prendendo metà del suo cartellino nel 2012. Ecco, rileva subito la seconda parte del pacchetto Rugani: Allegri lo vede bene e sa che può essere il futuro della sua squadra. La prima? E’ in una gara di Champions, 2-0 netto contro il Siviglia. Daniele si fa subito notare per il carattere, per la voglia, per la pazienza anche che serve a un centrale di livello. Qualche errore gli viene perdonato: è un ragazzo, e questa protezione forse gli farà saltare qualche tappa obbligatoria. Comunque è corretto, e ha un senso della posizione che è una roba innata e che ha affinato con un maestro incredibile come Maurizio Sarri. Daniele tratta gli attaccanti allo stesso modo: li aspetta, li affronta e cerca di prenderli sempre di petto. Anche rischiando. Anche sbagliando.

Quattro stagione alla Juve, sì. Purtroppo da comprimario, che non è semplice uscir fuori quando davanti hai un gruppo tra i più affiatati e i più talentuosi difensori della storia bianconera. La crescita di Bonucci, la forza di Chiellini e la classe di Barzagli gli hanno tolto sicuramente ossigeno e minutaggio, ma Daniele ha fatto concretamente poco per meritarsi qualche pensiero diverso da parte di mister Allegri. Comunque i numeri sono stati buoni. Anzi: ottimi. 79 presenze e 7 gol.

SPORTS AGENCY SC24

Pubblicità

Facebook

BETCAFE24

Trending