Connect with us

Prima Pagina

Mattia Caldara e gli arretrati da recuperare

Pubblicato

|

caldara

Mattia Caldara è finito nel dimenticatoio. Purtroppo nel calcio bisogna essere molto fortunati, e lui finora lo è stato solo in parte.

Acquistato dal Milan per comporre un super duo difensivo con Romagnoli, per colpa dell’infortunio non ha mai inciso in maglia rossonera.

L’Atalanta, sboccia il fiore!

Con la Dea, Mattia Caldara ha una lunga storia di tira e molla. Entra nel vivaio dell’Atalanta nel 2004 a soli 10 anni e percorre tutte le trafile delle giovanili fino ad arrivare alla Serie A. Nel 2014, a 20 anni, passa in prestito al Trapani in Serie B con cui collezionerà 20 presenze. Un ottimo primo anno tra i grandi gli permette di replicare l’esperienza di prestito in Serie B, però con il Cesena. Anche qua diventa titolare e gioca 27 partite. Due ottime esperienze per Mattia che acquisisce al meglio l’esperienza per poter giocare in Serie A. Sembra folle Giampiero Gasperini quando lo propone come titolare nella sua cara difesa a tre, ma anche questa volta non sbaglia: Caldara si fa trovare pronto e colleziona 30 presenze al suo primo anno in Serie A. Complimenti alla Dea per la lungimiranza nel fargli fare esperienza in B!

La Juventus, che chance!

Queste sue ottime prestazioni e il fiuto per il goal (ben 7 quella stagione), attira l’attenzione della Juventus che vede in lui un ottimo prospetto per il futuro. La decisione dei bianconeri è quella di investire su di lui nel Gennaio seguente, acquistandolo e lasciandolo all’Atalanta fino a fine stagione. 25 milioni di euro non sono pochi e se li investe la Juventus significa che molto probabilmente si tratta di un giocatore veramente interessante.

Alla Juventus, però, non ci arriverà mai. Bonucci sentiva ”nostalgia di casa” e la Juventus ha, ancora una volta, il grande progetto di vincere la Champions. Forse Caldara non è il giocatore più adatto per puntare alla coppa dalle grandi orecchie, così i bianconeri decidono di inserirlo nell’affare Higuain al Milan e Bonucci alla Juventus. A bilancio risulta una plusvalenza della Juventus di 22 milioni di euro, perché il Milan spende 35 milioni per il giovane difensore.

La Juventus ha perso un gioiello oppure ci ha guadagnato sia nel bilancio che in ambito sportivo?

Il Milan, quanta sfortuna!

Sicuramente i suoi primi passi in maglia rossonera danno ragione alla Juventus. Caldara appena sbarca a Milanello inizia ad avere problemi fisici e Gattuso lo dichiara ‘fuori condizione‘. I tifosi rossoneri attendono giorni, settimane e mesi per vederlo scendere in campo, ma un grave infortunio lo tiene ai box. Lesione del tendine d’Achille e strappo di tre centimetri al polpaccio è la diagnosi: la stagione diventa a rischio.

È un enorme peccato per il Milan e per la Nazionale: un giovane difensore italiano, con il vizio del goal e con altre varie caratteristiche di livello, si infortuna proprio nel momento in cui può diventare titolare al fianco di Romagnoli, capitano del Milan. Per il grande salto bisogna essere pronti e fortunati. Caldara era sicuramente pronto. Non è stato fortunato.

Ora, però, questo grande infortunio sembra alle spalle e Gattuso lo può considerare nuovamente nell’elenco convocati.

Caldara sta tornando e ha qualche arretrato da recuperare.

SPORTS AGENCY SC24

Pubblicità

Facebook

BETCAFE24

Trending