Connect with us

Chi è il pusher?

Wanda e la gamba persa da Icardi: Paratici zittito da Marotta

Pubblicato

|

Icardi Wanda

Prosegue, in pieno stile sudamericano, la telenovelas che avvolge il mondo interista. Da un lato Wanda Nara e Mauro Icardi, legati da uno stretto e morboso rapporto professionale, oltre che personale. Oltre la barricata, l’intero mondo nerazzurro capitanato dall’amministratore delegato Marotta e il direttore sportivo Ausilio, fino ad arrivare alla frangia ampia di tifoseria stufa da tempo dei giochetti dei due coniugi.

Nel mezzo, forse l’elemento più importante, che ha recitato un ruolo centrale nell’esplosione della vicenda: i giocatori, lo spogliatoio. Da qui la decisione di togliere la fascia dal braccio dell’argentino per consegnarla al più stimato, equilibrato e diplomatico Hadanovic. Una sommossa forse guidata dai croati, forse un po’ da tutti, eccetto rare eccezioni.

Wanda è andata nel “suo” programma a sventolare lacrime di coccodrillo, con toni e parole piuttosto forti e cercando di rispecchiare e trasferire lo stato d’animo del marito ed assistito: Alcuni potrebbero dire che gli hanno tolto un braccio, per me gli hanno tolto una gamba. Gioca con orgoglio per questa maglia, e non pensa al denaro. Lo sanno tutti che non ha fatto scelte pensando ai soldi, avrebbe reagito in altre maniere se non avesse tenuto alla maglia. Ha sempre fatto tutto per onorare la fascia, non era facile dopo Zanetti. Non ci sono state mai avvisaglie. Eppure siamo sempre in contatto con Marotta ed Ausilio, è stata una sorpresa per me e l’ho saputo tramite Twitter”.

Dopo essere intervenuto nel dibattito di Tiki Taka, Marotta non si è fatto pregare quando ha dovuto rispondere a tono a Paratici, suo allievo e sempre più uomo mercato della Juventus, in merito alla questione Icardi-Juventus, con sullo sfondo un altro argentino tirato proprio in ballo dall’Ad: “Quella di Paratici è un’affermazione fuori luogo. Se lui dice che vedrà a giugno per Icardi, lo stesso posso dire io per Dybala”.

Dalla padella alla brace, ogni giorno di aggiunge benzina sul fuoco ad alimentare un terremoto che paradossalmente, sta solo facendo il bene dell’Inter. Da quando è esplosa la bomba l’Inter ha sempre vinto, tre partite difficili in sette giorni e con all’orizzonte il pass per gli ottavi di finale di Europa League. Nella polemica ci si è anche addentrati in discorsi femministi e maschilisti, si è tirato in ballo il ruolo delle donne e la loro capacità di disquisire riguardo tattica e quant’altro.

“L’intenzione dell’Inter è di recuperare un grandissimo professionista per arrivare agli obiettivi comuni – ha raccontato Riccardo Ferri – Per risanare questa situazione Icardi deve chiudersi nello spogliatoio e confrontarsi con i compagni senza società e allenatore e uscire fino a quando non hanno trovato un accordo”.

Lo farà? Magari sì, più probabilmente no: dipende, come ci ha insegnato questa soap opera, da cosa gli dice la moglie.

SPORTS AGENCY SC24

Pubblicità

Facebook

BETCAFE24

Trending