Connect with us

TransferMarket

Calciomercato, da Marcelo a Donnarumma: i dieci movimenti della settimana

Pubblicato

|

calciomercato antonio donnarumma

La finestra di calciomercato invernale si è chiusa da poche settimane e quella estiva sembra lontanissima. Ma proprio in questo periodo iniziano a delinearsi le trattative che renderanno ancora più bollente l’estate. Noi di SportCafe24 abbiamo raccolto per voi i dieci principali movimenti di calciomercato della settimana.

Ramsey, Chiesa, Marcelo: Juve scatenata

In casa Juve gli uomini di mercato hanno sicuramente un gran lavoro da fare. Aaron Ramsey, in settimana è diventato ufficialmente un giocatore della Juventus per la prossima stagione: l’inglese percepirà uno stipendio lordo di 24 milioni di euro per 4 anni, diventando così il britannico più pagato al mondo!

Dalla certezza Ramsey, ai sogni Chiesa e Marcelo: la Juve ha due pallini. Il calciomercato è strano ed è proprio per questo motivo che non ci sentiamo di smentire le voci che avvicinano Chiesa alla Juventus. Teoricamente per colmare il gap in Italia, gli altri club dovrebbero evitare di vendere i propri pezzi pregiati ai bianconeri, ma la volontà di fare cassa spesso acceca le strategie. Considerando, inoltre, la grande propensione della Juve a voler acquistare giocatori o esperti di Serie A o esperti in ambito internazionale, oltre a Chiesa bisogna parlare di Marcelo. Se per Chiesa 50 milioni probabilmente non basterebbero, per il brasiliano del Real Madrid potrebbe essere una cifra consona: il quasi 31enne si allontana giorno dopo giorno da Madrid e ogni passo lo porta verso Torino, sia per riabbracciare il suo compagno di sempre Ronaldo, sia per passare da un club vincente ad un altro.

Juventus, e in uscita?

Pjaca non rientrerebbe nell’operazione Federico Chiesa, perché il giocatore si allontana progressivamente dalla Fiorentina. Sul numero 10 viola c’è il Genoa che potrebbe pensarci per giugno. Il Grifone potrebbe essere la piazza giusta per il croato per rilanciarsi.

Higuain, ormai, fa parlare di se solo in sede di calciomercato. Pochi goal e troppe chiacchiere per l’argentino, portano alla nostra attenzione una situazione particolare: se il Chelsea non dovesse arrivare quarto (attualmente sesto a meno uno dal quarto posto) oppure se dovesse essere esonerato Maurizio Sarri, scatterebbe nuovamente la politica over 30 imposta dal patron Abramovich. Il pipita non verrebbe riscattato e tornerebbe alla Juventus che, a quel punto, difficilmente lo tratterrebbe.

Milan, addio Donnarumma e non solo

Il Milan dopo due anni pensa di poter salutare Antonio Donnarumma. Il terzo portiere, se non quarto dopo Plizzari, arrivato nella rocambolesca trattativa per il rinnovo del fratello Gigio, potrebbe lasciare Milanello dopo 24 mesi di inutilizzo. Di lui si ricorda solamente il derby di Coppa Italia in cui dovette scendere in campo per l’infortunio nel riscaldamento di Storari. Un’ottima notizia per Plizzari, appunto, che ora potrà effettivamente essere il terzo portiere del Milan.

Il Diavolo, però, si muove anche in entrata. L’obbiettivo è quello di chiudere un bel colpo in prospettiva prima dell’apertura del mercato, un po’ come successo con Lucas Paquetà. Le forze di Leonardo si concentrano sull’esterno alto d’attacco, sulla lista figurano Saint-Maxim del Nizza e su Bergwijn del PSV Eindoven: per entrambi il costo del cartellino si aggirerebbe intorno ai 30 milioni. In mediana, si portano avanti le idee Lorenzo Pellegrini della Roma e MilinkovicSavic della Lazio.

Il valzer dei difensori

Armando Izzo, difensore del Torino è nel mirino della Roma. La società capitolina ha messo gli occhi sul ragazzo partenopeo in forza al Toro, che dopo aver disputato un ottimo inizio di stagione, è anche stato convocato da Roberto Mancini per lo stage in Nazionale. Al momento, però, il Torino frena gli entusiasmi giallorossi poiché ritiene il proprio numero 5 una pedina fondamentale.

Un altro ragazzo che si è messo particolarmente in mostra in questo inizio di stagione è Joachim Andersen della Sampdoria. Su di lui ci sono gli occhi della Juventus e dell’Inter, però l’unica società che ha fatto un passo verso i blucerchiati per parlare del talento danese è il Tottenham che ha stabilito come fondo 25 milioni di euro. Basteranno al presidente Ferrero?

Nacho del Real Madrid dopo varie stagioni da comprimario ha deciso di intraprendere la propria carriera da titolare. Effettivamente con Varane e S. Ramos è veramente complicato trovare spazio e per il ventinovenne spagnolo sembra arrivato il momento di mettersi in luce per le proprie capacità. Per ora nessuna squadra si è fatta avanti, ma non abbiamo dubbi che con il passare delle settimane arriverà la giusta proposta.

SPORTS AGENCY SC24

Pubblicità

Facebook

BETCAFE24

Trending