Connect with us

Prima Pagina

Sconsigliati: Radja Nainggolan, il ‘Ninja’ sulla via del declino

Pubblicato

|

Radja Nainggolan allenamento Inter

Doveva essere il grande colpo dell’Inter per la sessione estiva di calciomercato. E, a campionato ancora fermo, per molti lo è stato: giornali e organi di stampa, televisioni e radio, hanno elogiato il calciatore e l’allenatore che più l’ha voluto e più di tutti l’ha valorizzato, a Roma. Hanno elogiato poi la società che ha creduto in lui, quell’Inter che si aspettava il quod in più a centrocampo. Doveva essere l’anno della rinascita nerazzurra guidata da Radja Nainggolan, il forte ‘Ninja’ letteralmente esploso a Roma, giocatore tanto decisivo in campo quanto deludente al di fuori. Ma quest’anno, forse, di cadere in basso così, non se lo aspettava nemmeno lui. Il belga-indonesiano è il nostro sconsigliato della settimana.

Radja Nainggolan, parabola di un declino inevitabile

Dicevamo, arrivato in pompa magna, Nainggolan ha fatto naufragio ancor prima di imbarcarsi dalle parti di Appiano Gentile. Arriva a Milano e si schianta con la sua Ferrari. Non contento di ciò si fa beccare in discoteca, in condizioni non proprio sobrie, in compagnia di Fabrizio Corona ed una serie di succinte ragazze. Lui beve, fuma, incurante delle riprese, fa il dito medio a dei tifosi della Roma trovatisi lì per caso. Un’altra brutta figura, l’ennesima di un giocatore capace di mantenere gli equilibri in campo, troppo poco fuori.

Doveva essere, l’Inter, una sorta di consacrazione, un’altra, per un giocatore dalle qualità apprezzate in tutto il campionato. Ed invece l’avventura in nerazzurro sta andando peggio del previsto. Complice la non volontà del giocatore, mai del tutto nascosta, di trasferirsi a Milano, va detto anche questo. La sensazione è che per Nainggolan le occasioni francamente cominciano a essere troppe, e tutte sprecate. Il declino, insomma, sembrava lontano ancora un po’ ed invece è quantomai vicino. Ed è inevitabile.

Quale futuro per il Ninja

È ancora da comprendere quelle che saranno le decisioni dell’Inter che, solo un mese fa, a causa dell’ennesimo ritardo, che significa automaticamente violazione del regolamento interno, ha sospeso il belga che, non contento, è stato protagonista di un audio in cui dichiarava la sua volontà di tornare a Roma. Un amore mai sbocciato verso quei colori e quei tifosi che l’hanno accolto esultando e festeggiando.

Doveva essere il grande acquisto del calciomercato, il migliore, o tra i migliori. È stato un flop talmente grosso che oggi, giustamente, l’Inter si interroga sul futuro del Ninja. Che sì, stavolta potrebbe essere scaricato con tanto di ben servito.

Nainggolan in nerazzurro non ingrana ed anzi, sembra la brutta copia dell’ottimo giocatore visto a Roma. Sempre discusso, ma in campo imprescindibile per prestazioni e maglia sudata. All’Inter non sta succedendo e a nulla è servita, sulla sponda nerazzurra del Naviglio, la presenza del mentore Spalletti, il più grande sostenitore del suo acquisto. Un fallimento. E, lo ripetiamo, per qualche verso anche già annunciato.

Il viale del tramonto aspetta Nainggolan che sì, magari andrà ad arricchirsi in un campionato come quello cinese, a svernare, a chiudere con un calcio che gli ha dato tanto e che forse, diciamolo, non ha saputo ripagare fino in fondo.

SPORTS AGENCY SC24

Pubblicità

Facebook

BETCAFE24

Trending