Connect with us
Chiellini tra i top 11 della sedicesima giornata Chiellini tra i top 11 della sedicesima giornata

Prima Pagina

Giorgio Chiellini: il guerriero del calcio moderno che sognava la NBA

Pubblicato

|

Fiero, combattivo, lottatore e che non si arrende mai. Questa è una delle definizioni più semplici della parola guerriero. Volendo applicare tutto ciò al mondo del calcio e a un giocatore in particolare, uno dei primi nomi che viene non può non essere quello di Giorgio Chiellini. Il difensore della Juventus e della nazionale è infatti l’emblema della maglia sudata e di chi è sempre l’ultimo ad alzare bandiera bianca. Fino all’ultimo pallone giocabile. Fino al 90′ e oltre.

Chiellini & Kobe Bryant: dalla pallacanestro alla Fiorentina

Nato a Pisa il 14 agosto del 1984 ma cresciuto in quel di Livorno, il suo sogno da bambino era quello di giocare a pallacanestro. Il piccolo Giorgio era infatti tifoso dei Los Angeles Lakers e in particolare dell’immenso Kobe Bryant. Il calcio era però in qualche modo scritto nel suo destino, o addirittura quasi marchiato.

Chiellini inizia a giocare, nel ruolo di terzino sinistro, con la maglia del Livorno, con cui esordisce tra i professionisti all’età di 16 anni. La Roma lo osserva con attenzione, ma non riesce a portarselo a casa. Ma dopo quattro anni con la maglia della squadra toscana, ad accaparrarselo è la Juventus, che inizialmente lo gira in prestito alla Fiorentina. Il solito modo per farsi le ossa, crescere e dimostrare il proprio valore. Con i viola arriva, a 20 anni, il debutto in Serie A. Con i gigliati convince tanto da guadagnarsi la convocazione in nazionale. Una roba non da poco e non da tutti.

Da Capello a Deschamps, la trasformazione di Chiellini

Nel 2005, a 21 anni, l’occasione chiamata Juventus diventa totalmente e completamente realtà. A volerlo fortemente è un certo Fabio Capello, all’epoca allenatore dei bianconeri. Con la Vecchia Signora arriva anche l’esordio nelle competizioni internazionali. Insomma, l’ascesa è sempre più continua. Per Chiellini c’è però c’è un ostacolo, ossia la vicenda Calciopoli e la retrocessione nell’inferno nella Serie B. Sotto la guida di Deschamps però il classe 1984 vive una vera e propria evoluzione tattica, trasformandosi da terzino sinistro a difensore centrale. Un ruolo che sembra essere cucito addosso alle sue caratteristiche tecniche e tattiche: forza fisica, stacco aereo, aggressività nei contrasti. Insomma, una scelta che ha cambiato la sua carriera e che ha favorito la sua esplosione ed affermazione.

La crisi post-Calciopoli

L’incubo dura soltanto un anno, grazie alla promozione immediata, ma il periodo difficile no. Nonostante la risalita fulminea in Serie A, la Juventus infatti fatica a ritrovare sé stessa e a tornare quella di un tempo. I bianconeri vivono stagioni fatte di alte e bassi, cambiano continuamente allenatore e non trovano continuità e fiducia. Le cause sono molteplici, a partire da un progetto che non convince e da continui errori in sede di mercato. Chiellini sembra risentirne e il suo rendimento cala leggermente, anche se riesce a togliersi qualche piccola soddisfazione personale, come, ad esempio, il suo primo gol in Serie A, arrivato il 2 settembre del 2007 in Cagliari-Juventus 2-3. Eppure qualcosa non torna. Eppure qualcosa non funziona. Il buon Giorgio vive sull’altalena e non riesce a giocare come vorrebbe e potrebbe.

L’effetto Conte e l’ultima trasformazione del Guerriero

Ma la rinascita è comunque dietro l’angolo e coincide con la stagione 2011/2012, anno dell’arrivo sulla panchina dei piemontesi di Antonio Conte. Quest’ultimo ribalta tutto, soprattutto dal punto di vista caratteriale e della personalità. I bianconeri tornano a essere una macchina da risultati. Ma soprattutto tornano a vincere. Lo scudetto soffiato al fotofinish al Milan è probabilmente uno dei più belli e dei più meritati. Chiellini ovviamente torna grande protagonista. Per lui c’è un nuovo ruolo, quello di centrale in una difesa a tre, accanto al regista difensivo Leonardo Bonucci. Lui si trova benissimo e fornisce prestazioni di altissimo livello, Le vittorie tornano a essere la normalità e la consuetudine, anche quando Conte decide di lasciare. Allegri mantiene l’impronta e continua a puntare tutto sul guerriero nativo di Pisa. Il resto è storia fin troppo recente, comprese la delusione delle due finali di Champions League.

Giorgio Chiellini però è in grado di farsi valere anche fuori dal campo. Lo dimostra la sua laurea in Economia e Commercio, ottenuta nel 2010 presso l’Università di Torino. La votazione? 109/110, con una tesina sui bilanci della società sportiva, con un occhio particolare e tanti riferimenti alla sua Juventus. Perché tutto ruota attorno ai colori bianconeri. Perché tutto ruota attorno all’essere un grande lottatore. Senza però mai mancare di correttezza.

IL NOSTRO LABORATORIO DIGITALE

SPORTS AGENCY SC24

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending