Connect with us

Football

Serie A, la Juve illude e raddoppia: Inter, batti un colpo

Pubblicato

|

Cr7

E’ quasi in cantina la decima giornata di Serie A, la nona per Milan e Genoa che si rimetteranno in pari con le altre diciotto compagini mercoledì sera a San Siro, quando recupereranno quella prima giornata non disputata a causa della tragedia avvenuta sul ponte Morandi del capoluogo ligure.

Quasi perché oggi si disputa l’altro big match previsto in questo lungo weekend di campionato, quello fra Lazio ed Inter, rivincita di una sera da incorniciare per i tifosi nerazzurri. Quel 20 maggio che riportò l’Inter in Champins League dopo sette anni, nefasta per i biancocelesti che sprecarono l’occasione della vita.

Sarà un match importantissimo per entrambe. La Lazio che può superare l’Inter consolidando la zona Champions, per gli uomini di Spalletti che, in caso di successo, aggancerebbero addirittura in Napoli in seconda posizione, mantenendosi a meno 6 dalla Juventus.

Bianconeri che con qualche difficoltà battono in rimonta un Empoli mai domo e ripristinano le sei lunghezze di vantaggio sul Napoli, che solo una giornata prima aveva recuperato due punti ai ragazzi di Allegri. Una doppietta di Cristiano Ronaldo spegne le velleità di rimonta dei partenopei, che inciampano in casa contro la Roma. Per Ancelotti invece il rammarico di aver recuperato punti alla Juve, perdendoli subito dopo: mettere maggior pressione ai rivali, come dimostrato nell’avvio ad Empoli della Juve, avrebbe potuto generare nuovi passi falsi in un campionato apparentemente senza storia.

Per Di Francesco una grande occasione sprecata, nonostante abbia affermato in conferenza che il Napoli avrebbe meritato anche prima del novantesimo il pari, firmato Mertens. Giallorossi che continuano a mantenere un rendimento poco costante, con più bassi che alti, a causa del quale rischiano di trovarsi fuori dalla zona Champions e con un Milan che, in caso di successo nel recupero, li scavalcherebbe distanziandoli.

Gattuso torna quindi a respirare, grazie al 3 a 2 di Suso che porta i rossoneri a ridossi delle prime quattro: se nel monday night uscisse un pareggio e i diavoli battessero in casa il Genoa, sarebbero ad un solo punto dalla Champions League. Tante le critiche riservate al tecnico calabrese, che stupisce con un inedito 442 e la coppia Higuain e Cutrone avanti, che segna, realizza assist e convince, per un cambiamento tattico il quale potrebbe risultare decisivo in ottica futura.

Qualcosa di importante accade anche nelle zone basse della classifica, con l’incredibile vittoria per 0 a 3 del Frosinone in casa di una Spal che veniva dal’altrettanto sorprendente vittoria all’Olimpico, contro la Roma. Il calcio è strano, i ciociari raccolgono i primi tre punti del campionato e fanno un bel balzo in avanti, sfiorando l’Empoli e staccando il Chievo, mettendo nel mirino un’Udinese balbettante.

Continua ad attendere la svolta il Chievo di Ventura, che vittima della penalizzazione vede ancora il segno meno in classifica: le giornate passano, i punti diminuiscono e la sconfitta di Cagliari getta ancor più nell’oblio i clivensi, alla ricerca di una vittoria che rinvigorisca il Presidente Campedelli.

Non si fanno male Genoa e Sassuolo, fra le sorprese del campionato, contro Bologna e Udinese: squadre ancora in cerca della propria identità ma che hanno già mostrato potenzialità interessanti, in grado di disputare un campionato più tranquillo dei precedenti.

Risorge l’Atalanta, 8 gol fatti e zero subiti nelle ultime due uscite, questa volta vittima un Parma in calo dopo l’exploit dei primi due mesi. Pari divertente ma che con rilancia nessuna fra Torino e Fiorentina, le quali mirano a quel settimo posto, ultimo utile per la qualificazione ai preliminari di Europa League, per cui resta in lotta la Sampdoria bella ma perdente a San Siro, contro il Milan.

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending