Connect with us

Football

Lautaro Martinez, toro seduto: Inter-Argentina in contesa

Pubblicato

|

Lautaro Martinez Argentina

È stato il maggiore protagonista del pre-campionato in casa Inter. Lautaro Martinez però dovrà saltare le prossime due amichevoli a cui avrebbe dovuto prender parte con la maglia dell’Argentina, per cui già vanta una presenza a soli 20 anni.

Dopo un grande inizio di stagione quest’estate, capace di esaltare subito i tifosi interisti, Lautaro si è fermato dopo l’esordio negativo della squadra contro il Sassuolo. Un problema muscolare che gli ha impedito di esser schierato contro il Torino, scendendo in campo solamente negli ultimi due giri di orologio.

Sarebbe servito non poco nell’ultima vittoriosa trasferta di Bologna, a seguito dell’improvviso stop di Icardi nel riscaldamento, ma persistendo i problemi fisici Spalletti ha ben deciso di risparmiarlo per evitare nuovi malanni, incorrendo una una ricaduta che si sarebbe rivelata ben più grande.

Per Lautaro dunque una sola presenza ma già tante attese e una inusuale pressione per un ragazzi di nemmeno 21 anni, al punto tale da essere al centro di una disputa fra Argentina ed Inter, con quest’ultima decisa a metter pressione all’Afa, associazione calcio del Paese sudamericano, al fine di far rientrare l’attaccante alla Pinetina. Lui, come Icardi, erano stati convocati dal Ct a interim Scaloni, in occasione delle due imminenti amichevoli che dovrà disputare l’Albiceleste.

Quello di Lautaro Martinez è solo l’ultimo dei casi di disputa fra club e federazioni, con numerosi contenzioni che sono finiti in causa con risarcimenti anche milionari, laddove l’ostracismo delle nazionali aveva portato a infortuni anche piuttosto importanti, pur di non concedere il rientro alla base dei relativi convocati. Sono piuttosto basse, se non nulle, le possibilità di vedere l’Argentina insistere con Lautaro soprattutto considerando che non si tratta di partite ufficiali utili per le prossime qualificazioni al Campionato del Mondo. Selección che ha sottoposto il n.10 nerazzurro a nuovi esami strumentali, i quali hanno certificato l’affaticamento del classe ’97 sudamericano.

Dunque, ancora poche ore e Martinez sarà a Milano, pronto a scaldare i motori in vista del quarto turno di campionato contro il Parma, previsto dopo la sosta e appena prima della grande sfida al Tottenham: un San Siro prossimo al tutto esaurito per il ritorno in Champions League della beneamata dopo quasi 7 anni.

 

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending