Connect with us

Ciclismo

Giro d’Italia, Yates sempre più rosa. Sabato e domenica tappe decisive

Pubblicato

|

Yates maglia rosa Giro d'Italia 2018

Dopo tredici tappe il Giro d’Italia sembra aver già troppo il suo padrone: Simon Yates. Negli scorsi giorni infatti il corridore britannico della Mitchelon-Scott ha dato una dimostrazione di forza e di superiorità a dir poco impressionanti, chiare ed evidenti. Basta semplicemente pensare alla sua vittoria di due giorni fa sul traguardo di Osimo, dove, con un’incredibile accelerazione nel finale, ha lasciato tutti i suoi avversari sul posto. L’unico che, al momento, sembra essere in grado di resistergli è Tom Dumoulin. L’olandese, vincitore della scorsa edizione, è secondo nella classifica generale con un distacco di 47″.

UN WEEKEND DECISIVO – Ora però, come si dice in questi casi, viene il bello. Infatti il percorso del Giro d’Italia metterà i corridori di fronte a due tappe che potrebbero essere decisive. Si parte domani con l’arrivo sul temutissimo Zoncolan. Potrebbe essere la giornata giusta per chi, come Aru e Froome, deve rimontare il terreno perduto, cercando magari anche un successo di giornata. I distacchi potrebbero essere elevati e ogni situazione potrebbe ribaltarsi. Discorso molto simile per la tappa di domenica, la Tolmezzo-Sappada. Si tratterà di un vero e proprio saliscendi, con un solo tratto di tranquillità, quello in falsopiano verso Cortina d’Ampezzo. Si scaleranno in sequenza i Passi della Mauria, di Tre Croci, di Sant’Antonio (inedito da questo versante e con pendenze per lunghi tratti superiori al 10%) e Costalissoio, un’ altra salita inedita breve, ma molto ripida. E occhio agli ultimi 10 km, tutti in salita, con tratti al 9%. Insomma, bisognerà capire se Yates correrà sulla difensiva o se proverà, ancora una volta, ad attaccare. L’intenzione del britannico sembra esser quella di guadagnare più secondi possibile in vista della cronometro di martedì, dove Dumoulin, campione del mondo nella prova contro il tempo, è il favorito numero uno.

TRIS VIVIANI – Ma, oltre alla lotta per la classifica generale, in questo Giro d’Italia, c’è anche un duello per le volate. E, sul traguardo odierno di Nevesa della Battaglia, Elia Viviani ha concesso il tris, tornando al successo dopo qualche giornata di difficoltà. Il 29enne della Quick-Step ha preceduto Bennett. che, trionfando ieri in quel di Imola, l’aveva raggiunto a quota due vittorie. Ora però il buon Elia ha rimesso la freccia, dimostrando che è lui, insieme a Yates, il grande protagonista di queste prime due settimane di Giro d’Italia. Il difficile ora è confermarsi. La strada verso Roma è ancora piena di insidie. Ma sarà propria la strada a dare le risposte.

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending