Connect with us

Football

Juventus, i cinque possibili eredi di Massimiliano Allegri

Pubblicato

|

Juventus, i cinque possibili eredi di Massimiliano Allegri

Massimiliano Allegri è probabilmente giunto alla fine di un ciclo. Quattro anni di successi, se dovesse portare a termine anche questo campionato da primatista. Poi Coppa Italia, Supercoppa Italiana e un altro comune denominatore con il predecessore, Antonio Conte: il fallimento europeo. Il toscano ci è andato decisamente più vicino, con le due finali in tre anni, ma il risultato resta lo stesso.

Occorre ripartire, stimolare e rinvigorire l’ambiente, magari anche con una nuova guida tecnica. Il nome in cima alla lista è quello di Simone Inzaghi. E pensare che era stato confermato per caso, quando Marcelo Bielsa ritrattò all’ultimo e lui si ritrovò allenatore non più delle giovanili, ma della prima squadra. In due anni cose straordinarie e il meglio potrebbe ancora venire, con quarto posto a portata di mano e soprattutto una Europa League con semifinali a vista.

Se Allegri dovesse volare a Parigi, che Emery possa fare il percorso inverso è tutt’altro che utopia. Anni splendidi al Siviglia, titoli nazionali scontati ma conquistati col Psg, dove però si è dovuto ancora una volta arrende in Champions: lo scorso anno la folle remuntada al Camp Nou, quest’anno mai in partita coi galattici del Real. Ha però tutte le conoscenze tattiche e il temperamento utile per far bene in Italia.

Luis Enrique è il nome nuovo, più intrigante e al contempo meno raggiungibile. Il suo profilo sembra essere più adatto e vicino a realtà come Parigi o Chelsea, ma ha quello stile Juve che potrebbe colpire la dirigenza al punto da provare l’affondo decisivo. Lui ama l’Italia e avrebbe una grande voglia di rivalsa dopo la delusione per il trattamento ricevuto a Roma.

Gian Piero Gasperini, perché no? Due anni magici all’Atalanta, anche quest’anno in corsa per l’Europa e capace di disputare un’Europa League straordinaria. Di scuola Juve, italiano e con esperienza, anche per lui vale il discorso rivincita: all’Inter è durato meno di tre mesi e non smette di mostrare rancore per i colori nerazzurri. E’ il profilo ideale per una Juventus che vuole ripartire da un “suo” prodotto, con un gioco divertente e con i tanti giovani in orbita bianconera da poter lanciare.

Ultimo nome, è quasi una provocazione, ma col resto delle panchine italiane occupate è tutt’altro che ipotesi remota: il ritorno di Antonio Conte. La brusca interruzione del rapporto aveva lasciato macerie enormi, dissolte col tempo. La tifoseria non ha e non può dimenticare quello che rappresenta per la Juventus, da giocatore e da allenatore. Lui rivuole l’Italia per motivi personali, sarebbe un matrimonio bis ideale. Per entrambi, forse.

JUVECAFE24

Perché la Juve spenderà così tanto per ChiesaSmettetela con Guardiola, per la Juve c'è SarriPortanova, l'ultimo regalo di Max: c'è il debuttoJuve senza piano B: Allegri via per un capriccio

SPORTS AGENCY SC24

Pubblicità

Facebook

BETCAFE24

Trending