Connect with us

Football

Juventus, 5 colpi per la Champions nel 2019

Pubblicato

|

Juventus, 5 colpi per la Champions nel 2019

Chissà se si arriverà ai 45 anni tanto cari agli interisti, che si sono sentiti nelle orecchie questo ritornello per quasi mezzo secolo. Ad oggi siamo esattamente a metà strada, minimo passeranno 23 anni prima che la Juventus possa alzare al cielo la Champions League per la terza volta nella sua carriera.

Serve un restyling importante, ecco i cinque colpi che potranno portare nella Torino bianconera nuova linfa per tentare l’assalto alla coppa dalle grandi orecchie.

Considerando la difesa quasi totalmente a posto fra porta (anche in caso di ritiro di Buffon), reparto centrale e terzino sinistro (se rimane Alex Sandro), è certamente il lato destro a presentare la falla più grande. Anche rinnovasse Lichsteiner in scadenza, serve un ricambio e De Sciglio non ha rappresentato, come previsto, una valida alternativa a Dani Alves o allo svizzero nei tempi d’oro. Il nome che fa sognare è Bellerin dell’Arsenal: lo cerca il Barça, ma Paratici e Marotta hanno sondato il terreno.

A costo zero, qualche metro più avanti, può arrivare il miglior colpo possibile nel rapporto qualità-prezzo ed età: Emre Can. 25 anni, grande protagonista nel Liverpool delle meraviglie di Klopp, capace di unire qualità e dinamismo come pochi, presentando una duttilità più unica che rara. La gara di andata col Real ha messo in luce tutte le lacune in mezzo al campo dei bianconeri: uno come il tedesco serve terribilmente.

Un’operazione alla Morata col Real Madrid, con tanto di recompra, per il jolly di centrocampo che manca qualitativamente alla Juventus e risponde al nome di Dani Ceballos. Ha incantato in Under 21 con la Spagna, ha trovato poco spazio con le merengues ma il classe ’96 è un potenziale fenomeno. Il prezzo non sarebbe esorbitante, ma probabile che i blancos possano cautelarsi con un diritto di riacquisto.

Alex Sandro inventato attaccante, Mandzukic generoso ma dai pochissimi gol, un Dybala che fatica a defilarsi: alla Juventus serve maledettamente un alter ego di Douglas Costa, da aggiungere al trittico composto da Bernardeschi e Cuadrado. Il nome giusto, a costi non esagerati, può essere quello di Depay. Dopo le meraviglie al Psv non si è confermato allo United, prima di rilanciarsi alla grandissima col Lione. Ancora giovane, ha tutti i numeri per diventare quel fenomeno che da anni si pensa possa diventare: Vinovo è l’ambiente giusto per mettere a posto un carattere fumantino.

La quinta ed ultima operazione, il top player d’attacco. Qualcuno che possa affiancare o sostituire Higuain, 32 anni l’anno venturo, quest’anno senza possibilità di rifiatare fra inconsistenza di Mandzukic come bomber e alti e bassi di Dybala. Avevano Schick in mano, sfumato per motivi cardiaci: adesso si parla insistentemente di Martial. Arruolabile anche come attaccante esterno, ma un fisico e senso del gol da punta moderna, Mourinho non farebbe follie per trattenerlo.

JUVECAFE24

Il 'fascino Juve' alla Cena di Natale, aspettando la ChampionsJuve nell'indice FTSE-MIB: significato e vantaggiInter, le 5 giornate di MilanoJuve: Bentancur cresce, CR7 decide. E Bernardeschi...

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending