Connect with us

Focus

Super Gigi Buffon: non lascia e raddoppia, fino a 42 anni

Pubblicato

|

Gigi Buffon, la leggenda continua. Non voleva che la sua ultima immagine con la maglia azzurra portata con estremo onore per vent’anni esatti fosse quella della disfatta, a San Siro, nello spareggio malamente perduto con la Svezia, costatoci il Mondiale in Russia che nostalgicamente guarderemo da spettatori.

La Juventus in estate aveva portato a Torino un grande portiere come Szczesny, decisamente sprecato in qualità di secondo portiere. La strategia era però chiara, preparargli la strada per la titolarità, in vista del possibile ritiro di Gigi Buffon nella stagione in corso. Le cose sono andate diversamente, per via di problemi fisici che hanno tenuto a lungo Gigi lontano dai campi: vi è stato modo di apprezzare ulteriormente le qualità del polacco, mostratosi definitivamente pronto a raccogliere la pesante eredità.

Forse proprio la cruda eliminazione dai Mondiali, il periodo fuori per motivi fisici e l’instancabile desiderio di vivere il calcio lo hanno riportato sui propri passi. Una conferma ufficiale ancora non è giunta, ma tutti gli indizi lasciano presupporre questo: il n.1 azzurro non lascia a fine stagione.

La cosa più clamorosa è che potrebbe non farlo nemmeno al termine della prossima: l’obiettivo non celato è quello di vivere ancora una volta il sogno tricolore, ad Euro 2020. Tra l’altro, un’edizione storica: sarà il primo evento continentale itinerante, con possibilità di godere di match anche in quel di Roma.

Un mito che prosegue, non domo ed eternamente motivato ad essere protagonista: a livello di club e di Nazionale, fermo restando le decisioni che spetteranno sempre e comunque al prossimo nuovo Ct dell’Italia. Un Buffon disponibile però, molto difficilmente non sarà preso in considerazione: se offre la sua convocabilità sarà perché si sentirà pronto fisicamente e mentalmente all’impegno.

La Juventus non perderà il suo capitano così come l’Italia avrà ancora a disposizione quel portiere che alzò la Coppa del Mondo sotto il cielo di Berlino in quel magico 2006.

 

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending