Massimiliano Riverso
No Comments

Usain Bolt consegna la torcia olimpica a Jadi Duarte. L’ultima notte olimpica

La storia di Jadi è la storia di tante altre ragazze partite da zero, ma che hanno avuto la sorte di scoparsi l'uomo giusto al momento giusto

Usain Bolt consegna la torcia olimpica a Jadi Duarte. L’ultima notte olimpica
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Usain Bolt, dopo i tre ori regalati alla sua Giamaica e il raggiungimento (a suo dire) dell’immortalità, chiude in bellezza la sua terza Olimpiade. L’uomo più veloce del mondo dimostra di essere un fuoriclasse anche nei privée della notte di Copacabana, affollati di avvenenti mulatte alla ricerca del ‘pollo da spolpare’ o dello ‘stallone con cui chiudere la notte’. Il profilo di Usain ricade più nel primo genere, ovvero quello di uomo famoso frequentatore dei club, e ad approfittarne è stata una studentessa 20enne, all’anagrafe Jadi Duarte, che ricorderà per sempre la notte che probabilmente cambierà la sua vita. Sono state sufficienti due foto post amplesso caricate su un social network per farle raggiungere una popolarità globale, un jackpot che gli è valso un bel gruzzoletto sganciato dai giornali brasiliani per rivelare i dettagli della notte ‘normale’ trascorsa con Bolt.

Jadi Duarte

Jadi Duarte, il giorno dopo la notte con Bolt

L’attitude della Duarte è lo specchio di una società in cui lo scatto bollente col famoso può dare il la ad una breve, ma intensa carriera nel settore dello spettacolo, una sorta di marketta priva di strascichi legali. Alla figura dell’arrampicatore sociale, già nota in altri settori, si è associata di prepotenza la figura dell’arrampicatore social, un uomo/donna perfettamente sconosciuto che grazie ad un semplice scatto può cambiare il destino della propria vita con il minimo sforzo. La storia di Jadi è la storia di tante altre ragazze partite da zero, ma che hanno avuto la sorte di scoparsi l’uomo giusto al momento giusto o di sfoggiare un b-side alla Belen come marchio di fabbrica.

L’ultima medaglia d’oro per il Brasile la appendiamo ad honorem al collo di questa ventenne, una medaglia simbolo di una società avida di popolarità e denaro, un medaglia simbolo di come l’Olimpiade possa cambiare la tua vita, anche con una semplice scopata

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *