Redazione
No Comments

Serie A, up and down della 37esima giornata

Serie A, up and down della 37esima giornata
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Ecco a voi gli Up and Down della 37esima Giornata di Serie A:

UP

SUSO 10: Si comincia a sospettare che quel sinistro ben presto possa essere annusato da qualche grande club, non solo italiano. Il suo impatto nel derby di Genova è lo stesso di un doppio potentissimo fulmine a ciel sereno. DEVASTANTE.

SASSUOLO 9: Comunque vada a finire, sarà un successo per il Leicester italiano. A 90 minuti dalla gloria, i “Di Francesco Boys” vogliono ancora stupire e far trionfare lo spettacolo e la programmazione sul dio denaro. LEONI.

TONI 8: Per qualche secondo si crede Totti e serve il cucchiaio a Neto che non gradisce. Saluta il suo pubblico e il calcio giocato in bello stile dopo più di 300 reti gonfiate in carriera, 2 titoli di capocannoniere e l’indimenticabile trionfo mondiale. CHAPEAU.

DOWN

Juventus 5: Evidentemente le squadre retrocesse sono piuttosto indigeste alla Vecchia Signora. Come a Parma l’anno scorso, anche Verona è teatro di sconfitta per l’armata di Allegri che dà una mano a rendere meno amaro l’addio alla Serie A dei veneti e di Toni al calcio giocato. DISTRATTI.

Sampdoria 4: I blucerchiati si sono salvati è vero. Ma se lo meritavano davvero? La Lanterna, stavolta, ha illuminato solo i colori rossoblù in un derby che ha visto gli uomini di Montella naufragare e ritrovare la terra ferma solo per merito delle disgrazie altrui. MIRACOLATI.

Mbakogu 3: In settimana lo sport preferito dei tifosi del Carpi è diventato fare la macumba allo sfortunato attaccante Nigeriano. I due penalty che Marchetti gli para rimarranno nella storia, purtroppo negativa, della squadra emiliana e suonano come una sentenza. FILM HORROR.

Gabriele Quirino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *