Enrico Steidler
No Comments

Votare al referendum, un dovere morale

Votare al referendum, un dovere morale
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Fin da piccoli ci hanno insegnato che il voto è un diritto-dovere, e la cosa – naturalmente – vale anche per i referendum, compresi quelli che non ci garbano. Messa così, la questione delle continue esortazioni a disertare le urne sembra facile da risolvere: chi lo fa, e invita più o meno chiaramente l’elettore a sottrarsi al suo impegno, commette peccato. Punto.

In effetti è proprio così, e tuttavia è ovvio che in un Paese democratico la parola ‘dovere’ non va intesa letteralmente come avviene nelle desolate contrade in cui il voto è ridotto a buffonata di regime. Soltanto lì, infatti, lì dove la partecipazione in massa del popolo serve a legittimare il satrapo di turno, “andare al mare” – invece che al seggio – può equivalere ad alto tradimento della patria. Qui da noi no, fortunatamente, ci mancherebbe altro, però è chiaro che si tratta comunque di un comportamento incivile, di una porcata bella e buona che resta tale anche se è consentita.

Matteo Renzi

Matteo Renzi

Sì, perché votare, diciamolo chiaramente, è un dovere morale (considerando quanti uomini hanno dato la vita per garantirci questo diritto), e la possibilità di aggirarlo – e quindi di degradare l’etica a valore facoltativo e superfluo – non attenua di una virgola le colpe di chi ne approfitta. Anzi, le ingigantisce, perché si tratta del peggiore uso che si possa fare di quella libertà che proprio il referendum incarna e tutela più di ogni altra cosa.

Detto questo, ogni considerazione su Renzi (che arringa il popolo come faceva Bettino), Napo orso capo e tutta l’allegra banda di disertori governativi viene da sè. Per loro, evidentemente, anche l’etica è una questione di quorum, e chi raggiunge sì e no lo 0,5 ha tutte le ragioni, ai loro occhi, di regolarsi di conseguenza.

Bene. Facciamolo anche noi allora. Volete fargliela pagare? Volete che questi furbastri da quattro soldi – si fa per dire, purtroppo, tenuto conto dei loro aurei privilegi – scontino fino in fondo l’analfabetismo morale che li contraddistingue (e che contrabbandano per ‘diritto’ e libertà di coscienza)? Votate . Volete bastonare alla grande, almeno per una volta, il maledetto bue che alberga nel nostro popolo? Votate . Volete far capire a tutti, a partire da chi di dovere, che l’Italia non ha solo un grande passato ma anche un briciolo di futuro? Votate .

E’ un dovere morale.

Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *